BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Mueve la Colita

Martedì, 27 Aprile 2010
Mi hanno invitato ad una Cresima ; l’Arcivescovo metropolita di Taranto ha tracciato col Sacro Crisma una trentina di cresimandi giovani e adulti. Terminata la cerimonia ho chiesto agli adulti perché si fossero cresimati a quell’età. Mi hanno spiegato che da bambini si erano dimenticati di farlo, ma adesso che stanno per sposarsi in Chiesa la Cresima ci vuole, altrimenti il prete non li sposa. Così si usa e così si fa. Poi tutti insieme al ristorante. Gli uomini seduti…
Deputata già che c’è esiga che i magrebini per implementare un kebab imparino a memoria la "poesia della merla" in rigoroso lombardo orientale transabduano, testo fondamentale della cultura nordica pedemontana, solo secondo ai Promessi sposi. Punti i piedi e chieda che il governo tutto la impari, non accetti legittimi impedimenti da nessuno e sia esigente sulla pronuncia specialmente con Ignazio la Russa. La mèrla.I mèrli, 'na ólta i gh'ìa le pène biànche, ma chèl envéren lé l'éra stàt en bèl…

Illusioni ottiche

Martedì, 20 Aprile 2010
Metà degli anni ’80, corro a Roma ad accogliere Margarita Rosa Fornieles Casado-Sastre de Alisàl la mia ex suocera che arriva da Buenos Aires. Meeting point: Grand Hotel Plaza in centro, una suocera che si chiama così dorme al Plaza. Son lì in attesa nella hall mi sento fuori posto e annoiato, ma la situazione cambia; osservo che dai piani superiori scende uno strano, così piccolo di statura che mi muove a compassione. Porta in mano dei faldoni che in…
A "L'Ultima Parola" su Rai2 il finiano Italo Bocchino e il ciellino filoberlusconiano Maurizio Lupi se le danno di brutto, lo spettacolo è divertente. Dice Bocchino a Lupi. "Voi di Comunione e Liberazione siete i maestri della divisione dei posti, vieni a fare la morale a me?". Lupi non risponde nel merito ma fragile e smarrito reagisce rabbioso: "Se la pensi così, non ti riconosco più come presidente vicario del gruppo. Dimettiti". Fino a quel momento il vicepresidente della Camera…

Solidarietà

Mercoledì, 14 Aprile 2010
Un conoscente mi ha esposto convinto una teoria: oggi nessun italiano avverte il problema della sopravvivenza in quanto c'è sempre un genitore, un fratello o un parente che lo possono aiutare. Siccome un piatto di minestra lo si trova sempre possiamo scegliere, senza urgenza e indifferenti alla retribuzione, un lavoro che ci piaccia e ci soddisfi. Il problema della alienazione da lavoro o del dramma di chi lo ha perso sono quindi falsi problemi.La teoria dell’amico (progressista di sinistra) mantenuto…

L'Armadio

Giovedì, 08 Aprile 2010
All’interno degli edifici ecclesiastici sono posizionati degli armadi, di tanto in tanto un prete ci entra dentro e i fedeli, uno alla volta, si chiudono rapidi nell’armadio con lui. Sembrano armadi ma sono lavatrici: i fedeli entrano peccatori ed escono uomini nuovi, puliti da ogni colpa.I fedeli si possono imbattere in un prete grasso e vecchio, oppure bello e giovane, con la barba oppure i baffi, buono o cattivo, tuttavia non prestano alcun interesse a questi aspetti, in quanto il…

El partit dell'umbrella

Martedì, 06 Aprile 2010
Durante gli anni cinquanta nel profondo nord i più erano indifferenti alla cosa pubblica; mentre qualche comunista battagliava contro i cattolici, la massa dei qualunquisti contadini, artigiani e piccoli industriali padani dedicavano tempo e energie a se stessi, indifferenti a quanto succedeva intorno. Alla vigilia delle elezioni se chiedevi al brianzolo medio per chi avesse intenzione di votare rispondeva tronfio: “El partit dell’umbrella, magnà, beè e fà andà la canella!” Nel tradurre perdiamo, insieme all’insensata rima, parte del nerbo edonistico…
Può capitare che persone appartenenti alla Chiesa Cattolica e intimamente legate ad essa si siano drasticamente allontanate; sono diventati agnostici o magari buddisti, oppure pur rimanendo cristiani non hanno più creduto all’istituzione ecclesiastica e al suo Magistero e così, del tutto indifferenti al Papa e ai Vescovi, sono andati per la loro strada. Per altri cattolici l’allontanamento dalla gerarchia ecclesiastica ha preso invece altra connotazione; sono rimasti all’interno della Chiesa Cattolica da dissidenti. Situazione scomoda, sovente virulenta. I contestatori determinati…

Chi ha vinto le elezioni regionali?

Mercoledì, 31 Marzo 2010
Chi è madre o padre e tutti quelli che sono abili nel raccontare con successo storie ai bambini ricevendo il loro consenso stupito e assoluto, sono eccellenti leader politici anche se non lo sanno. Si, ha vinto chi ha saputo con semplicità narrare, chi ha affascinato raccontando una bella storia, interessante, che ha saputo toccare i sentimenti, fantasiosa, intrigante, accattivante, fantasmagorica e originale. Racconto coinvolgente di un avvenimento salvifico che, anche se oggi non c’è ancora, domani -se voti il…
Alle regionali mi hanno calorosamente consigliato di votare un tizio, ho guardato la foto e ho deciso rapido di non votarlo non solo perché non so chi sia, cosa abbia fatto e cosa intenda fare, ma anche perché la sua faccia non mi piace. Si dice che dopo i quarant’anni ognuno ha la faccia che si merita e quello lì non si merita la mia preferenza. Irragionevole ma lecito. E i simboli? Le bandiere? Significano davvero quello che comunicano se…

Chiesa e pedofilia

Lunedì, 22 Marzo 2010
Il Papa negli ultimi giorni ha scritto ai cattolici d’Irlanda sugli abusi sessuali perpetrati a minori, ai sacerdoti coinvolti dice: "Dovete rispondere di ciò che avete fatto davanti a Dio onnipotente, come davanti a tribunali debitamente costituiti". Singolare che un mero richiamo al rispetto basilare del vivere comune sia stato percepito, nella Chiesa e non solo, come una svolta radicale. Se l’ovvio è stato avvertito come cambiamento quasi epocale c’è da chiedersi: com’è stata intesa fino ad oggi la giustizia…

La sana malattia

Giovedì, 18 Marzo 2010
l’identica situazione, lo stesso luogo, il medesimo contesto possono essere percepiti e vissuti in modi molto differenti. Ieri sera due mie amiche sono state invitate ad una festa in maschera; oggi le ho sentite prima una e poi l’altra: la prima era entusiasta e divertita, l’altra invece non si è travestita, non ha ballato e si è annoiata, poi questa mattina al risveglio ha scritto dei versi, che su mia insistenza mi ha comunicato:“Osservo gli altri divertirsi. Nel dimenarsi in…
Ho letto "La tenerezza dell’eros" di Gigi Cortesi; Gesti d’accudimento e gesti d’amore Arrivi all’ultima pagina e ti trovi migliore, non solo perché più erudito e capace di leggere, comprendere, interpretare e ricomporre la tua storia umana (e dei tuoi cari) con inaspettata lucidità e profondità, ma perché hai percorso un viaggio dove tocchi il cuore della vita, il fuoco del suo mistero, l’essenza stessa dell’esistere. Bruno Vergani "La tenerezza dell'eros" lo trovi qui

Caso Englaro

Sabato, 13 Marzo 2010
Recentemente sono stato a Milano, dodici ore di treno. Nello scompartimento due ragazzi marocchini. Ho preso iniziativa e si dialogava serenamente. Vista la confidenza ho chiesto: “Sono stato in Marocco e all’ingresso delle moschee ho visto dei cartelli con scritto: vietato l’ingresso ai non musulmani”, con tono rispettoso, ho aggiunto “Invece qui in Italia, anche i non cristiani possono entrare nelle chiese”. I ragazzi si sono irrigiditi. Lungo silenzio, poi uno sbotta: “Nel Corano c’è scritto che tu non puoi…

Il panino

Martedì, 09 Marzo 2010
Milano, anni ’70. Pausa pranzo ad un giornata dei novizi dei Memores domini*. Non c’è il ristorante così si mangia al sacco. Don Giussani, in piedi nel piazzale, scarta il suo panino con dentro il prosciutto crudo. Intorno a lui duecento futuri Memores. Osservo che nessuno si avvicina al capo. Passano i minuti e mi chiedo: “Perché è lì solo in mezzo al piazzale col panino in mano? Adesso vado lì io”, ma una forza interiore mi paralizza. Uno strano…

Domani si vedrà

Lunedì, 08 Marzo 2010
Di vita ce n’è una sola ed è questa sulla terra. Così dicono i miei amici atei mentre si danno da fare. Invece chi, come me, ha avuto un imprinting cattolico, anche se oggi non pratica religione alcuna sotto sotto pensa e vive come se di vite a disposizione ne avesse tante. Come se esistesse un dopo, un tempo che verrà, un domani dove i conti in sospeso, l’incompiuto personale e sociale potranno in qualche maniera misteriosa compiersi. Come se…

Figli di un Dio minore

Mercoledì, 03 Marzo 2010
Perché mi ritrovo a cercar risposta al perché sono? Perché ho un istinto d’eternità pur sapendo che dovrò morire? Ci sarebbe la possibilità di non pensarci affatto a queste faccende, come del resto fanno tutti gli altri animali. Non sarebbe poi male uno stato di semplicità assoluta, diretta e fresca, tanto estrema che non conosce. Senza necessità alcuna di linguaggio, ne di realizzare Dio, ne di santificarsi e neppure di auto realizzarsi. Uno stato naturale dell’essere che forse gli uomini…

Deriva tribale

Venerdì, 26 Febbraio 2010
Leggo da più parti che la politica, le scelte partitiche, la prassi e gli obiettivi di Comunione e Liberazione sono determinati dalla ricerca di potere; gentaglia cinica disposta a tutto per raggiungere il potere ed esercitarlo a proprio vantaggio. il giudizio è banale. Chi conosce CL sa che la stragrande maggioranza di loro sono persone oneste e intelligenti che con abnegazione rischiano in proprio per promuovere la società, partendo da chi ha più bisogno. Non escludo che con loro si…

Implosione

Lunedì, 08 Febbraio 2010
Più osservo quello che mi succede intorno e più mi torna alla mente quel vago ricordo scolastico che, allora, poco mi diceva: la caduta dell’impero romano; una graduale e inconsapevole implosione. Mi viene in mente anche il Titanic che va giù mentre i passeggeri ballano, ma ancor di più i versi del profeta Amos che 700 anni A.C. fotografava con assoluta precisione l’attuale momento: "Essi su letti d'avorio e sdraiati sui loro divani mangiano gli agnelli del gregge e i…

In verità ci disse altro

Mercoledì, 03 Febbraio 2010
Anni dopo l'essermi allontanato dalla Chiesa cattolica, per lenire lo sconcerto di ritrovarmi orfano di Creatore, ho meditato a lungo sugli scritti dell’Advaita Vedanta. L' Advaita (si pronuncia adveta con la “e” di erba) indica che L’Assoluto, l’unico Tutto, non è Altro ma siamo noi stessi, pertanto mai orfani anche se figli di nessuno. Consapevoli che siamo “il Tutto”, “il mai nato” non necessitiamo di nulla e il problema della ricerca di senso è definitivamente risolto. Se qualcosa non va…

Per comprendere il pensiero dell'altro

Martedì, 02 Febbraio 2010
Per comprendere il pensiero di un altro faccio così: opero inevitabilmente una soggettiva costruzione di significato su quanto espresso dall’altro a partire da ciò che sono io; dal pensiero di cui dispongo e di cui sono capace.Da lì definisco proprietà e relazioni che costruisco con azione organizzante, così sistemizzo l’altrui pensiero per renderlo compatibile (comprensibile) al mio in un processo di costruzione dei significati. Se il processo lo esegue anche il mittente la comprensione è facilitata. Utilizzando miei costrutti, verità…
Riflessioni sul Senso della Vita di Ivo Nardi Non porsi domande sul senso della vita significa rinunciare alla possibilità di comprendere pienamente la nostra esistenza. Una risposta non esiste solo quando non è possibile formulare la domanda. Riflessioni.it è il luogo ideale per fermarsi e riflettere sul senso della vita e lo faremo attraverso le risposte che persone di cultura hanno dato a dieci domande da me formulate. Buona lettura. Ivo Nardi Interviste sul Senso della Vita 15) Le risposte…

Il registratore

Lunedì, 25 Gennaio 2010
Mia cugina per alleviare la sofferenza per la tragica e prematura morte del figlio si è comprata un registratore. Si siede in una stanza silenziosa, appoggia sulle gambe il minuscolo registratore, schiaccia record e pensa al figlio. Poi ascolta. Una volta, in mezzo ai rumori di fondo, è convinta di aver sentito dall'oltretomba il suo Paolino. Me l'ha fatto sentire anche a me. Un cigolio gracchiante in rapida successione: "so' praoolììì- praoolììì". Così la madre lenisce il suo dolore e…

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati