BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Problematizzare l’ovvio

Domenica, 23 Settembre 2018
Nei pronto soccorso di ogni latitudine i medici di qualsiasi credo e di ogni concezione esistenziale operano, tutti e sempre, per far sopravvivere il paziente. In questo operare affermano che vivere è un valore in sé prescindendo da come si esiste, ma usciti sani e salvi dal pronto soccorso osserviamo che il valore della nostra vita non sta nell’essere nati e ancora vivi, bensì nel che cosa ce ne facciamo di questo esserci.
Una aspettativa sia soddisfatta che delusa dopo un periodo di appagamento o di sconforto produrrà un'altra aspettanza. Per uscire dal labirinto di questo perenne avvento senza Natale possiamo tentare con la psicologia, prendendo consapevolezza che le cose che aspettiamo sono nient’altro che un surrogato della Cosa che realmente vogliamo e sciogliere l’equivoco. Si potrebbe anche praticare l’atarassia in stile buddhistico o stoico, con un’ascesi che raggiunga la completa assenza di desiderio. Se troppo faticoso si può perseguire un mix di…

Eden

Venerdì, 14 Settembre 2018
Nel regno culturale degli umani ognuno ha le sue ragioni e quindi tutti hanno ragione. Ne consegue che se ogni cosa può essere per qualcuno vera e per qualcun altro falsa non è più vero niente. Anche nella natura -pensiamo agli animali- se ogni individuo ha le proprie ragioni tutti hanno ragione, ma a differenza dei nostri illuminismi antropocentrici nel regno animale se ogni cosa è soggettivamente vera tutto permane comunque vero: è come se nell’animale l’individuale sguardo prospettico, quindi…

Accanimenti culturali

Giovedì, 13 Settembre 2018
E’ tutto culturale l’imperativo d’esistere artificialmente a oltranza se una vita, a causa di forza maggiore, è soltanto dolore. E’ ancora culturale scegliere, sempre con un artificio, di cessare all’istante di esistere perché non ci piace più vivere. Meglio lasciar fare alla natura favorendone l'andamento, dall'intervento del 118 alla sedazione palliativa profonda, così da assecondare il suo tendere a continuare o a cessare.

Enti paralleli

Mercoledì, 12 Settembre 2018
Tutto il vivente è costituito da legami d’atomi di carbonio, azoto, idrogeno e ossigeno, raramente zolfo o fosforo. Tutto qui, poche cose che però si combinano in infiniti modi, attraverso peculiari movimenti e conseguenti posizionamenti in differenti tipi di legami. In fin dei conti questa è anche la cifra esistenziale di ogni uomo: movimento-posizione-relazione. Impossibile prenderne una manciata, ma costruisce cattedrali e lager.

Destra

Giovedì, 06 Settembre 2018
E' da più di quarant’anni che non pochi intellettuali organici alla sinistra predicano, con la parola e il comportamento, che non è più vero niente. Dio è morto, Marx pure, e anche io non mi sento molto bene. Dato che i motori funzionano a benzina e gli uomini a ideali, più che prevedibile che in questo deserto ritorni un po’ di fascismo con le sue gagliarde allegorie, fenomeno comprensibile nel suo scompigliato nucleo di opposizione e resistenza al nichilismo, nondimeno…

Teobotanica

Martedì, 04 Settembre 2018
Anche tralasciando le specie nordiche come l’Abete rosso dell’albero di Natale e le esotiche come il Ficus di Siddhartha, bastano il Melo dell’Eden, le Querce di Mamre di Abramo e le canoniche Palme della domenica prima della Pasqua, per giustificare una nuova specializzazione teologica a indirizzo botanico, così da chiarire una volta per tutte quanto Dio ha creato la natura e quanto l’ha copiata.

Movimenti

Martedì, 04 Settembre 2018
Probabilmente la maturità avviene quando si migra da sé agli altri espandendosi dal particolare all’universale, passando dall’autobiografia al racconto del mondo, dall’intimismo alla prassi politica, dalla cronaca alla storia. Interessante osservare che il percorso in direzione opposta, quello introspettivo, conduce alla stessa meta passando dall'intima individualità a vasti e archetipici territori collettivi, dall’emozione personale a territori mitici, da sé all’universo.

Canis latrans

Sabato, 01 Settembre 2018
Punta del tacco d’Italia, borgo di mille anime. Nell’ora più calda del giorno vago nella piazza deserta e mi sembra di udire in lontananza un latrato di coyote, l'allucinazione si dissolve nello scorgere un monumento ai caduti della Prima Guerra Mondiale, uno di quelli sempre presenti, quanto innavertiti, nei nostri paesi. Stella sorretta da una sfera, colonna spezzata, piramide annerita dai licheni, bassorilievo con foglia d’acanto e una epigrafe enfatica che porta in uno strano territorio di mezzo, oltre la…

Sbandate reattive

Lunedì, 27 Agosto 2018
Le certezze del Novecento che affermavano verità definitive quanto rovinose hanno, per reazione, prodotto l’attuale relativismo. Forse siamo inconsapevoli nipoti di Nietzsche, nonno del frammentato e un po’ nichilista post moderno: «I fatti non ci sono, bensì solo interpretazioni», altrimenti non si spiegherebbe come Berlusconi, Renzi, Salvini e Di Maio, pur sparando due palle ogni cinque parole proferite abbiano, a turno, ottenuto un notevole consenso popolare. Come se la verità e l’oggettività sia ciò che di volta, in volta, crediamo.…

32 euro e 50 centesimi

Sabato, 25 Agosto 2018
In un angolo sperduto dell'universo galleggiava un pianeta abitato da strani animali denominato Terra. Nell’Anno 2016, addì 31 del mese di gennaio alle ore 10,45 di quel tempo planetario là, nel basso mantovano, un rom rubò il portafogli a un cittadino del posto. Accadde nei giardinetti comunali tra il monumento ai Caduti e la panchina e la vittima avvertì all'istante quel metro quadro fulcro di tutta la storia umana e dell'universo intero. In quel preciso momento cessò di riconoscere la…

Metafisica del Verbasco

Giovedì, 23 Agosto 2018
Andando per campi additano una pianta nella ghiaia e chiedono all’erborista: « E questa cos’è? » e quello tra nonchalance e tronfiezza sancisce: « Verbascum sinuatum ! » Sembra che l'erborista in quel proferire porti alla luce da mondi misteriosi un’entità inafferrabile, invece ha soltanto ridetto un umano arbitrio condiviso inventato per inventariare l’universo così da addomesticarlo. Cos’è per davvero quella cosa (e ogni cosa) nessuno lo sa ancora con certezza. Stiliamo sempre meglio quello che c’è, ma del cos'è…

L’inviato speciale

Martedì, 21 Agosto 2018
Siccome l’occhio non può vedersi per introspezionarsi bisogna essere necessariamente in due, uno che fa e uno che lo osserva. Una buona accoppiata è quella composta, nella medesima persona, da uno scavezzacollo che salta nel vuoto e da un altro che serio e con i piedi per terra descrive con precisione il volo e poi raccatta i pezzi.

Libera circolazione ontologica

Martedì, 21 Agosto 2018
Che cosa causa quel particolare piacere che talvolta sperimentiamo nell’osservare la natura? Forse l’intuizione in presa diretta che il nostro pensiero e la montagna che abbiamo davanti funzionano attivati dalla medesima forza. Una sorta di corrispondenza matematica tra l’umano pensiero e gli enti che gli stanno attorno, consapevolezza che il più delle volte sfugge perché subcosciente. Però di questo labile dissolversi della frontiera che ci separa dalle cose ne permane l’impressione. Produce un pacato piacere composto da un 45% di…

Composti

Domenica, 12 Agosto 2018
Formula dell’acqua H2O, dell’acqua ossigenata H2O2, dell’acqua benedetta? Accettare di appartenere al sommo funzionamento della natura rifiutando di venirne macinati, così da desiderare di fondersi nell’universo rimanendo ancora se stessi, è una contraddittoria pretesa antropocentrica. Eppure quel ingenuo arrabattarsi, emulsione di rassegnazione e resistenza, è forse il composto più potente che esiste in natura, indubbiamente il più strano.

Idiota violenza

Mercoledì, 01 Agosto 2018
Se nel far di conto otteniamo un risultato assurdo o nel traslocare il tavolo non ci passa dalla porta della cucina dove volevamo metterlo, consideriamo un errore di calcolo o di procedura riconoscendo di aver realizzato una frattura nel rapporto tra il nostro pensiero e la realtà (tecnicamente chiacchiera), da qui evitando di insistere ricominciamo daccapo provando a pensare e dire con differente ordine e contenuto. Può anche accadere, però, che in altri più seri contesti si tiri dritto indenni,…

Eclissi

Domenica, 29 Luglio 2018
All’acme della luna oscurata monitoro le silhouette degli amici nel buio della terrazza, sopra le nostre teste il celeste, perpetuo, funzionamento sentenzia il nostro declino che incombe: siamo ormai vecchi e si avvicina l’epilogo, a uno a uno giù tutti come birilli. Anche i giovani nella migliore delle ipotesi, al netto di possibili accidenti anticipatori, invecchieranno veloci e creperanno a raffica mentre gli inorganici astri continueranno a ruotare senza imprevisti con beffarda precisione. Il Tiresia di Ovidio profetizzò per Narciso…

Il complesso ordine degli elementi

Mercoledì, 25 Luglio 2018
Per descrivere e spiegare appieno la realtà sociale e costruire soluzioni alle sue problematiche, non bastano frasi nucleari da quoziente intellettivo di scimpanzé assonnato[1], ma occorrerà un linguaggio complesso perché la società è complessa. Pertanto emancipandoci da un inadeguato e monco livello sintattico basic utilizzeremo proposizioni sovraordinate e subordinate, periodi composti da frasi incidentali, proposizioni inclusive e discretive regolate da "ma", "anche", "nondimeno" e similari. Sofisticata loquela alla Ilvo Diamanti puntualissima per descrivere la società quanto infallibile per far perdere…

L’inizio?

Domenica, 22 Luglio 2018
Nel nulla assoluto o forse relativo si condensa un nucleo di non nulla, eccolo esplodere e fare le cose. Già in qualche modo le conteneva tutte e quindi non c’è né inizio né termine ma mero funzionamento che trasforma, tutto qui se non fosse che tra miriadi di enti prodotti c'è anche Homo sapiens, strana cosa che può, vuole e sa investigare il funzionamento che l'ha prodotto. In questo punto dove l'universo è cosciente di sé sta la problematica, per…

Confusione logica

Sabato, 21 Luglio 2018
Una schematica e semplicistica declinazione etica della logica può anche confondere invece di chiarire. Nell’osservare le tifoserie popolari sulla complessa tematica dell'immigrazione possiamo scorgere, tra le possibili cause di incomprensione e contrapposizione fra le parti, quella di aver meccanicamente introiettato lo schema di Aristotele: « È impossibile che il medesimo attributo, nel medesimo tempo, appartenga e non appartenga al medesimo oggetto e sotto il medesimo riguardo », sentenza che se traslata corrivamente nell'etica può produrre una binaria opposizione buono/cattivo, glissando…

Assillanti altezzosità

Giovedì, 19 Luglio 2018
Dall’imprendere economico alla spiritualità, dall’indagine psichica a quella filosofica, c’è chi tende a progredire indagando e conoscendo e chi invece preferisce fermarsi lì dov’è. Prova di reale progresso dei primi è la loro capacità di rispettare i secondi.

Il nucleo

Mercoledì, 18 Luglio 2018
Come se fossi una cipolla tolgo il primo strato e il secondo e il terzo e mi sbuccio tutto, ma rimosso l’ultimo strato non trovo dentro niente. Ma allora io che sono? Da una qualche parte un nucleo dovrà pur esserci. Forse non si vede perché non è del tutto materico (antimaterico?), forse perché si muove veloce, forse è costituito da un solo primo pensiero che spontaneo pensa se stesso e nel suo accadere fa tutte le cose.

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati