BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Beffardo demiurgo

Domenica, 17 Febbraio 2019
Dice poco quel nome sul loculo, due date informano che è morto settantenne, la causa del decesso non è riportata, già sappiamo che è in un reparto di maternità quando in quel novello apparato psicosomatico sorse il pensiero: «Sono», seguito a breve da «Io sono». Se permanendo in un sonno profondo con-fuso nel tutto avesse evitato quel pensiero sarebbe esistito a oltranza, sì pazzo catatonico, però eterno. Siamo dei singolari punti della vita che conoscono l'imperituro fluire ch'essa non sa,…

Ecce Homo

Giovedì, 14 Febbraio 2019
In fondo al terreno vegeta un filare di Prunus spinosa, quello che va bene per fare la corona di spine feroci nelle rappresentazioni quaresimali di paese. Avvinghiate sopra delle Smilax aspera e abbindolate intorno dei Rubus ulmifolius, il tutto avviluppato da Clematis cirrhosa, l'unica della serie senza spine. In manco un metro quadro più di dieci piante alte sui cinque metri: ma un po’ di misura mai? Fameliche di luce tirano dritto al sole, ma in quel groviglio sono tutte…

Agonie

Mercoledì, 13 Febbraio 2019
Se dovessi classificare l'intensità dei piaceri umani posizionerei al vertice l’operare con profitto tallonato dalla voluttà, fanalino di coda l’ammazzare il tempo, fioca forma di suicidio.

Intenzione di voto

Martedì, 12 Febbraio 2019
Interpretare il mondo attraverso le lenti delle circostanze e della condizione personale è processo irrazionale, per l’ovvia evidenza che l’universale consta di innumerevoli altre differenti circostanze e condizioni oltre alla mia. Nelle democrazie mature è, dunque, richiesto in ogni compartecipante un processo di pensiero capace di cogliere l’insieme prescindendo dal proprio ombelico, anche nel caso che qualche legittima rivendicazione l'avesse anche lui. Processo di astrazione che dovrebbe essere il prerequisito logico per scegliere un esecutivo politico per quanto possibile giusto…

Tecniche d’incursione

Lunedì, 11 Febbraio 2019
Ali di cera che si sciolgono per irrispettosa vicinanza al sole, mele che Dio proibisce di assaporare, ancestrali confini tuttora invalicabili: «Su ciò di cui non si può parlare, si deve tacere[1]; «La volontà si dimostra libera nella misura in cui si lascia determinare dalla pura Ragione»[2]; «Dove era l'es, deve subentrare l'Io»[3]. Non ci rimane che l’arte per osare un blitz nel trascendente senza spappolarci. ________________________________________1 Wittgenstein, Tractatus logico-philosophicus 2 Kant, Critica della ragion pratica3 Freud, Introduzione alla psicoanalisi

Limiti e grandezze

Sabato, 09 Febbraio 2019
Indifferenti alla misura del nostro pensare i poliedri regolari non possono essere più di cinque, eppure una strana forza ci spinge a valicarne il limite. Calcola area e volume di quest'anelito a trascendere.

Eureka !

Giovedì, 07 Febbraio 2019
Si suppone che lo scienziato osservi la realtà quasi omettendosi, così da prenderne asettica nota con pazienza certosina per comprenderne i meccanismi, ma basta leggere qualche stralcio di storia della scienza per accorgersi che le scoperte scientifiche più importanti sono invece scaturite da un inopinato aggio fatto na pensata! (kantianamente conoscenza e giudizio sintetico a priori). Irrompere di pensiero improvviso poi, ovviamente, vagliato nella dialettica fra teoria ed esperimento così da distinguere il delirante dal geniale. Non sarebbe male espandere…

Work in progress

Mercoledì, 06 Febbraio 2019
E' oggi infrequente incontrare un materialista così irriducibile da giudicare qualsiasi spiritualità illusoria, o uno spiritualista tanto esaltato da sentenziare che illusoria è invece la materia. A differenza di qualche decennio fa è improbabile vederli bisticciare, forse perché con il termine spirituale oggi s’intende qualcosa di più esteso rispetto a ieri, forse perché stiamo diventando un po’ kantiani riconoscendo il regno dei fenomeni naturali con i suoi dimostrabili meccanismi, ma evitando che tale visione ci precluda la ricerca di senso…

Pessimismi

Martedì, 05 Febbraio 2019
Riecco lo zafferano selvatico che spunta vicino al cipresso. Ce ne vuole di inutile fatica per riuscire a tenergli il broncio. Ma guarda un po'... Non pensavo che i pessimismi cosmici contenessero una nota di humour.

Il ritorno

Domenica, 03 Febbraio 2019
Sappiamo del desiderio di tornare a una vita in armonia con la natura e più conforme alle sue eterne leggi. Per l’odierna versione di Homo sapiens il processo a ritroso non è semplice e forse, nonostante i numerosi tentativi, nessun esemplare vi è ancora riuscito. Tuttavia possiamo azzardare un verosimile identikit del primo che ce la farà: piuttosto egoista pratica il sesso, perlopiù a raffica, senza sentimento. Se gli conviene vive in branco per proteggersi dagli avversari o ucciderli meglio.…

Ermeneutica quotidiana

Sabato, 02 Febbraio 2019
Leggendo la lista della spesa, l’indicazione stradale, la notizia di cronaca o storica, apprendiamo; immagazzinamento detto erudizione. Invece quando recepiamo il pensiero in atto, di altri e nostro, interpretiamo. Di solito non ci si fa caso ma tale comprendere, a differenza dell’apprendere, implica quote di interpretazione. In un certo senso la vita umana è un processo ermeneutico costante con se stessi e gli altri, dove travisiamo perché mal interpretiamo, oppure sappiamo riordinare e cogliere la realtà del detto e scritto,…

Iconologia

Giovedì, 31 Gennaio 2019
Partiamo da, tendiamo a, ostacolati da, e attraverso peripezie raggiungiamo finalmente meta. Questa è la storia di ognuno, questa è, dunque, la struttura narrativa universale al netto di qualche modesta variazione sul tema e valore stilistico nell'esprimerla. Osservando le rappresentazioni sacre, da quelle dei maestri dell’arte alle immaginette dozzinali, è agevole vederle come fotogrammi che illustrano uno specifico, canonico, passaggio tra quelli suesposti. Mutano sì i tempi, i luoghi e i personaggi, ma la storia è sempre quella e così…

Dionisiaco?

Mercoledì, 30 Gennaio 2019
Ce ne sono centinaia di migliaia e di tutti i tipi, eppure una foglia è sempre una foglia e una radice è una radice. Anche noi imitando la natura ottemperiamo standard, ideando e costruendo trapani e automobili di numerosi e differenti modelli, ma tutti bucano e ti portano da qua a là, se non lo fanno sono un’altra cosa che obbedirà necessariamente ad altri codici determinati e funzioni conseguenti. Costituiti per ottemperare norme non abbiamo il potere (e manco la…

Iperbolicità

Domenica, 27 Gennaio 2019
Nella riflessione teoretica occidentale il concetto dell’io è stato elaborato anche con esiti iperbolici. Proprio com’è accaduto per Dio, l’io è stato talora esaltato a creatore della realtà oppure sminuito fino al punto da giudicarlo una entità inesistente, un mero agglomerato di estemporanee percezioni sprovvisto di un nucleo stabile. Sulla prima concezione di un io (personale o universale) che fa il mondo lascio il giudizio al lettore, sulla seconda che afferma l’inconsistenza ontologica dell’io, annoto che se interpretata letteralmente e…

Acrobazie

Venerdì, 25 Gennaio 2019
C’è il livello basic dell’adolescente che ascolta musica nell’Ipod mentre digita un messaggio mangiando. C’è il livello più avanzato del cameriere che porta con la mano destra cinque piatti e con l'altra tre boccali di birra, mentre cammina veloce parlando al telefono che tiene fra guancia e spalla. Ai vertici della classifica Napoleone Bonaparte che dettava ai suoi segretari numerose e differenti lettere contemporaneamente. Vincitore assoluto Kant, quando nella Critica della ragion pura critica la ragione con la ragione stessa,…

Simultaneità

Giovedì, 24 Gennaio 2019
«Penso dunque sono», è formula che ci incorona soggetti, ma manco il tempo di esaltarci per la corona in testa e sopraggiunge la questione: cosa penso e dunque sono? E la corona di sovrano coincise col rinvio a giudizio dell’imputato, simultaneità necessaria chiamata libertà.

Breve invito ai piaceri extraconiugali

Mercoledì, 23 Gennaio 2019
Vuoi mettere il godere del pensiero di San Giovanni della Croce da ateo o il penetrare da cristiano quello di Eraclito, rispetto a frequentare tiritere fedeli alla propria linea?

A che pro?

Domenica, 20 Gennaio 2019
Dall’ancestrale arte rupestre all’iperrealismo odierno gli artisti hanno sempre rappresentato il reale, senza rimuginare ad opera conclusa: « A che pro? Era meglio l’originale. » Non solo perché l’artefatto esprime la libertà di scegliere uno specifico pezzo di mondo e il rifarlo di conoscerlo molto meglio rispetto al guardarlo, ma perché quel rifacimento esprime un oltre di senso, quasi che quella materia elaborata e riprodotta possa finalmente dire: « So d’esserci » come se liberata da un incantesimo.

Strutture

Sabato, 19 Gennaio 2019
Ammessa ma non concessa l’assurdità dell’universo naturale, la circostanza che una sua parte (Homo sapiens): 1 s’intrattenga ritagliando dal tutto indifferenziato delle parti;2 alle quali conferisce degli attributi; 3 assemblandole così da immaginarsi una storia (per lui ) sensata;4 abituandosi a tale invenzione fino a farla struttura (per lui) valida;5 così da ripeterla poggiandosi sopra[1] è processo che conferma l’assurdità dell’universo e insieme evento che la confuta, ed è proprio la naturale possibilità di implementare questo inventivo e immaginante arbitrio…

Promulgatori

Venerdì, 18 Gennaio 2019
Lo chiamano destino se il regista è Dio e determinismo se Dio non c’è, ma cambia poco. Condizioni, caso, contingenze e pre-potenti forze, interne ed esterne a noi, possono precluderci il potere di scegliere. Tuttavia, visto che non siamo il centro dell’universo, una completa e assoluta libertà dal precostituito è atto impossibile e se possibile delirante. Un’emancipazione parziale e circoscritta è invece attuabile, compito complesso e arduo che chiede costante e spregiudicata indagine capace di cogliere e attuare quote di…

Bizzarro animale

Martedì, 15 Gennaio 2019
Genere Homo, specie sapiens. Talora sofferente pur senza volerlo si vorrebbe eterno ma è mortale. Ha nel cervello delle aree primitive, enorme luogo con dentro fiere vive e imperativi biologici che desiderano a oltranza sensazioni piacevoli in una società che le vieta ma alla quale obbedisce. Eccolo circondato dai propri simili non sempre accomodanti perché anche loro sovraccarichi di tale fardello, eppure si tiene insieme e a tratti, enigma irrisolto, è persino sereno.

Io, il mondo

Lunedì, 14 Gennaio 2019
Tutta la storia della filosofia dipana la relazione tra Soggetto e Oggetto. Proprio quello che, ignari o consapevoli, proviamo a fare ogni momento.

Ars moriendi del ragioniere

Sabato, 12 Gennaio 2019
Stimano che di Homo sapiens ne siamo vissuti dai 60 ai 100 miliardi di esemplari. Visto che su questa terra ci stiamo da un po’ e che al momento siamo più di 7 miliardi è un numero non poi enorme nel totale, comunque bastevole per accogliere il personale epilogo con una nota di nonchalance: mal si addice un eccessivo sussiego per un evento tanto testato da rasentare il dozzinale.

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati