BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Geremiade

Sabato, 25 Gennaio 2014
Parlava grave. Parlava lungo e lamentoso. Parlava lento. Ti guardava negli occhi e mormorava fisso con la faccia seria. Frequentava chi era abile nel conformarsi alla sua sofferenza, chi rispondeva in litanica assonanza al suo piagnisteo. Voleva soffrire. Dolore indelebile, onnipresente. Guai se qualcuno interrompeva la sua preghiera, guai se offendeva la sacra ipnosi, guai all’uomo leggero che infastidiva la sua ricerca di fissa ripetizione. Lui voleva soltanto che si onorasse il suo devoto impegno nel conservare quel paio di…

Laica continenza

Martedì, 21 Gennaio 2014
Il filosofo Diego Fusaro - nel solco di Costanzo Preve - interpreta il capitalismo odierno al pari di un monoteismo totalitario e assoluto e individua nel pensiero ellenistico-cristiano un freno all’imperialistica smisuratezza capitalistica, nel suo onnipervadente imperversare. Un portare al presente la classicità del pensiero greco che convince, con-fusa a una originale apologia - tout court - della religione cristiana che lascia, invece, perplessi e che andrebbe chiarita: potrebbe apparire pittoresco omettere il deleterio contributo storico-sociale alla smisuratezza procurato, ben…

Misantropia rurale

Sabato, 18 Gennaio 2014
Metà gennaio, sabato mattina. Mi reco al fondo, quello isolato a due chilometri da casa, dove sto implementando l’orto mediterraneo, personale laboratorio filosofico più che botanico. Inizio a piantare 14 cipressi sempervirens pyramidalis varietà Bolgheri DOC, quelli gagliardi, ritti ritti. Nel terreno confinante, a ovest, un trattore romba spruzzando diserbante, in quello a nord il vicino irrora erbicida sulla calendula selvatica in fiore e da est un cacciatore spara a un tordo che mi passa sopra. Mentre i pallini mi…

Delitto e Castigo

Giovedì, 16 Gennaio 2014
Nel considerare la condizione di un giovane condannato all’ergastolo, per un duplice atroce delitto, ho valutato – riguardo la tematica di colpa e giudizio - due pensieri agli antipodi:«Il significato della Redenzione è precisamente che noi non dobbiamo essere la nostra storia e niente è più semplice per me che dirti che tu non sei la tua storia.»1Un implicito affermare, con approccio religioso, l’esistenza del “Male assoluto” - dunque impersonale, o se personale miticamente diabolico - con connesse divine misericordie.…

Il domineddio

Martedì, 14 Gennaio 2014
A ben vedere il nucleo della teoria del domineddio non riguarda esclusivamente la religione. Deliri di infinitezza, eternità, onnipotenza, onniscienza e onnipresenza mica sono confinati nel veterotestamentario Dio degli eserciti. Possono albergare e imperversare, con o senza Dio, nel pensiero individuale: tribalismi intimi con tutti gli estremismi, terrorismi, integralismi e fondamentalismi connessi.
Non avverto la necessità e non dispongo di competenza per recensire, nel merito, l’opera. Mi limiterò, dunque, a una condensata esposizione, a caldo, di personali note di lettura. Note indirizzate a chi “non studioso” e non professionista della filosofia si approccia a essa per puro piacere e/o per necessità esistenziale e politica. Il saggio storico-filosofico di Costanzo Preve (1943-2013) «Una nuova storia alternativa della filosofia» con sottotitolo «Il cammino ontologico-sociale della filosofia» è opera non semplice che chiede impegno e…
Avellino periferia sud, Capodanno, ore 11.15. Il fruttivendolo del mercato spara un botto avanzato la notte passata mentre a Vienna il commendatore è là, in prima fila, al Concerto di Capodanno della Filarmonica. Uno è pieno di debiti, tradisce la moglie e tifa l’Avellino, l’altro dirige una banca e ama, fedele, la musica di Johann Strauss, padre. Appaiono diversi, eppure nati entrambi senza averlo chiesto, in luoghi e da genitori non scelti, costituiti da DNA che non hanno meritato sono…

Iddio

Venerdì, 27 Dicembre 2013
Per risolvere guerre interreligiose e ottenere pace forse sarebbe più utile il giusto pensare invece dell’interreligioso pregare, così da elidere - in un sol colpo - l'oggetto della vana supplica causa della reale contesa.

Infondata giustificazione

Venerdì, 20 Dicembre 2013
In questi giorni la cronaca giudiziaria si occupa, ancora, di appartenenti a Comunione e Liberazione coinvolti in presunti reati di corruzione. Nell'apprendere la notizia ci si chiede, ancora, come e perché possano esistere individui che, nell’intento di conformarsi al Vangelo, ignorino e calpestino le regole sociali per fini egoistici. In parte risponde la contiguità teologica di don Giussani al fondamento della giustificazione protestante, che interpreta CL compagnia umana prescelta da Dio, che pur nella storia la trascende e giudica non…

Scuole di creatività

Martedì, 17 Dicembre 2013
Le peggiori scuole di creatività artistica, propongono inputs simili alla “pista cifrata” de La Settimana Enigmistica, quella con l’immagine invisibile che appare unendo, con trattino obbediente, i numerini sparsi su foglio. Quando la misera immagine compare ti dicono che è roba tua. Poi paghi.Le mediocri evitano stimoli codificati e valutano con l’obiettività, di cui dispongono, il lavoro svolto. Poi paghi.Le migliori propongono rapidi pungoli fluttuanti e si ritraggono silenti per poi giudicare severamente. Poi paghi.Le eccellenti ti danno in mano…

Immacolata autoconcezione

Venerdì, 13 Dicembre 2013
Discordo da questo governo però rimango perplesso nell’osservare lo sconquassato contestatore che, nell’attaccare in gruppo i disastri istituzionali, rimuove qualsiasi ipotesi di responsabilità soggettiva per i personali fallimenti esistenziali.

Piacere & profitto

Lunedì, 09 Dicembre 2013
Italia sud orientale, 2013 d.C., tardo autunno. Ho messo a dimora 210 piante di Rosmarino. Anche se non danno frutto oggi ne pianterò altre 36 a siepe sul bordo del viale. A che serve? A contenere l’assurdo.

Nel profondo qualcosa manca?

Venerdì, 06 Dicembre 2013
In un mio testo teatrale avevo scritto: «Orfano scendo nella voragine, giù fino al lago di dolore, per contemplare i relitti che galleggiano nel silenzio. Nessun uomo, nessun animale, nessun dio. Là è il mio posto.» «Nel profondo qualcosa manca» avevo poi scritto nella autobiografia e da lì mi ero attardato a raccontare. Il poeta aveva fatto di più:«... Qualunque cosa tu dica o facciac’è un grido dentro:non è per questo, non è per questo!E così tutto rimandaa una segreta…

resilienza all’evento

Mercoledì, 04 Dicembre 2013
Concluso in Belgio uno studio antropologico sull’assuefazione alla morte. L’Université libre de Louvain ha analizzato il comportamento di 21 titolari di imprese funebri e di 32 custodi di cimiteri impegnati nel settore da almeno 20 anni, in occasione della morte di familiari e amici. L’indagine ha riscontrato, rispetto alla media della popolazione, maggior accettazione e resilienza all’evento luttuoso, di persone prossime, negli addetti ai lavori. Il professor Vincent Delobbe docente di antropologia supervisore dell’indagine, ha riferito che lo studio ha…

Misura

Domenica, 01 Dicembre 2013
Oggi chi scrive, non di rado, tende a comprimere la parola twittandola o si attarda a dilatarla in un corpulento romanzo, ingombrante e fragile come il polisterolo espanso. Circondati da nani rattrappiti e giganti barbosi inevitabile un po’ di nostalgia per i bei corpi di un tempo, quelli sodi, quelli col numero di pagine equilibrato, quelli col giusto rappporto materia-sostanza, quelli come Il Libretto Rosso di Mao Tse-Tung e il Vangelo di Giovanni.

Nomi propri femminili

Venerdì, 29 Novembre 2013
Annunziata; Immacolata; Concetta (Concepita); Genuflessa; Catena; Crocifissa; Addolorata.A parte Genuflessa e Catena ne conosco con questi nomi. Concepita è introversa e nel tentativo di pulire il marchio frequenta uno psicologo, Crocifissa è più solare e si fa chiamare Chiara.L’accusa di “pedoclastia” di Sergio Martella, insita nel racconto cristiano, è forse eccessiva e anche parziale, ma ogni volta che mi imbatto in qualche Crocifissa me la vado a rileggere con interesse.

Sacro Olivo

Giovedì, 28 Novembre 2013
Osservo il vecchio olivo in mezzo al piazzale. Ho visto amici morire e l’albero perdurare loro. Lo avverto nella sua sacralità, apatica all’epilogo altrui, un po’ crudele: continuerà esserci quando io non ci sarò più. Eppure, soggettivamente, prima che nascessi l’olivo non c’era per davvero: come darmi prova che mi sopravvivrà? Delirio? Forse si, eppure nell’esserci e pensare abbiamo, ogni momento, potere di fare accadere l’Universo o di ridurlo in cenere.

Sacro asteggiare

Martedì, 26 Novembre 2013
All’asilo facevano asteggiare su un foglio a quadrettoni, più le asticelle erano equidistanti e ritte - ben conformi alle indicazioni dell’educatore - più eri giudicato bravo. Vero che - per sua intrinseca sistematizzazione - lo scrivere può favorire, più del parlare, ordinamento di pensiero, quindi della persona, ma tutto sommato la scrittura e anche la parola sono meri strumenti: omesso il soggetto non esistono più. Per le faccende sacre, talvolta per le accademiche, tale gerarchia si ribalta. Brutta storia.

Itinerari serpottiani

Sabato, 23 Novembre 2013
Palermo, ora di pranzo, varco la soglia dell’Oratorio: tutto è bianco, centinaia di angioletti, puttini e amorini in plastici avviluppamenti fanno capolino fra ghirlande di fiori e io considero l'Artista che li ha pensati e fatti. Mi aiuto ricordando annotazioni di teologi e critici d’arte che lo esaltano, ma un misterioso suggeritore interno irrompe, chissà da dove, e mi dice preciso: «L’Autore è un pedofilo.» Faccio finta di non sentire e in mezzo a centinaia di culetti nivei cerco qualche…

Vita di un commesso viaggiatore

Giovedì, 21 Novembre 2013
A14, Foggia nord. Il rappresentante di biscotti guarda fisso il motore della sua auto in panne, nulla sa di meccanica e l’auto non procede. Da dove viene tutto? Lui chi è? Perché c’è? Nulla sa eppur funziona. Davvero strano.

San Giorgio e il Drago

Lunedì, 18 Novembre 2013
Innanzi a mali estremi individuare, catturare e sanzionare i responsabili talvolta circoscrive la sofferenza delle vittime. Anche individuare le cause della tragedia e annotarne misura lenisce talvolta la sofferenza, ma che fare quando il reo della devastazione è inafferrabile? Evadono la punizione i rei giudicati incapaci di intendere e di volere; evadono qualsivoglia sanzione anche i morti per suicidio, pur colpevoli diretti della sofferenza procurata ai prossimi. Uomini che come uragani o tumori colpiscono a caso con motivazioni non agilmente…

Tecniche consolatorie

Giovedì, 14 Novembre 2013
Shoah, Gulag, genocidio del popolo armeno, dei pellerossa. Vittime dell’Apartheid in Sud Africa, Hiroshima e Nagasaki, Afghanistan, Cambogia. Desaparecidos sudamericani, massacri in Ruanda, Etiopia, Congo. Il sacrificio umano della religione azteca che continua nella guerra dei cartelli messicani della droga… Per sciogliere l’ "agghiacciamento" un po’ aiuta relativizzare gli eventi circoscrivendoli, pensando la Terra - con tutto quello che gli succede sopra - giacere in uno dei bracci periferici della Via Lattea, dove le distanze sono espresse in migliaia di…

Vittima

Martedì, 12 Novembre 2013
Clinica milanese Santa Rita, quella dove eseguivano inutili e dannosi interventi chirurgici per profitto economico, quella dove una donna affetta da tubercolosi ha accettato di essere inutilmente operata una, due e tre volte. Dopo il progressivo peggioramento mica ha sentito un’altra campana - riprova che sarai più fortunato - e si è fatta ancora operare, nella medesima clinica e dallo stesso chirurgo, la quarta, quinta e sesta volta. Non guarendo ha accettato di farsi rioperare per la settima, ottava e…

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati