BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Bruno Vergani

Bruno Vergani

Radiografie appese a un filo. Condivisione di un percorso artistico, davanti al baratro con angoscia parzialmente controllata.

contatti@brunovergani.it

URL del sito web: http://www.brunovergani.it
Lunedì, 12 Dicembre 2011 15:34

I Laic, un anno di Cronache Laiche

È in arrivo I LAIC – Un anno di Cronache Laiche

 

 

I Laic, un anno di Cronache Laiche

 

Sabato, 10 Dicembre 2011 13:37

la livella

Trasferitomi dalla Lombardia alla Puglia durante i primi atti di attività nell’erboristeria un amico, che viveva a Londra, era venuto a trovarmi. Osservandomi interagire con i clienti mi aveva dato un suggerimento:
“Se un livello alto interagisce con un livello basso è necessario che scenda”;
non aveva senso che facessi la parte di un altezzoso dottorino milanese con i contadini delle contrade meridionali.
Avevo ascoltato l’amico con vantaggio economico e anche umano, le vendite erano aumentate e invece di limitarmi ad indicare, consigliare, insegnare avevo iniziato ad imparare dai clienti. Attraverso strafalcioni grammaticali mi dicevano filosofie ancestrali, regalavano sapienza.

Venerdì, 09 Dicembre 2011 21:32

Libertà d'espressione

Genitori che licenziano la baby sitter perchè sbaglia il congiuntivo, social network con visitatori armati di penna rossa, lì in missione speciale per attaccare (indifferenti ai contenuti) errori di ortografia e sintassi negli interventi, inconsapevoli che il sommo strafalcione sta nell’equivocare un arbitrio condiviso, qual'è la grammatica, per assioma.

Nel sito di Franca Rame, casualmente, mi sono imbattuto nel seguente intervento:

"Buonasera, senatrice, le quoto il suo "presentata pochi giorni fà" scritto sopra. Mi rifiuto di pensare che una persona della sua statura culturale, che ho sempre stimato e seguito, possa scrivere un "fà" con l'accento. Preferisco credere che Lei non abbia scritto il commento di persona, e l'abbia fatto fare a qualcun altro. In questo caso, La pregherei di non scrivere Franca Rame come autore, per una piccola cortesia nei confronti di tutta la gente che La segue e La sostiene."

Arduo  non lasciarsi andare ad un assoluto: "Ma vaff…, va!"

Anche per i contenuti non sempre sono necessarie griglie e regole. Nessuno può vietare di esternare qualsiasi argomento a piacere per dire quel che passa per la testa, anche se spiacevole, privo di importanza o irrilevante oppure insensato. Libera espressione dei pensieri così come compaiono nella mente prima di essere organizzati logicamente in frasi e gerarchizzati in periodi. Freud ha indicato di farlo e Joyce lo ha fatto;  proficuo imitarlo anche se non viene bene come a lui.

Mercoledì, 07 Dicembre 2011 17:24

Diagnosi

Quando il medico osserva nell’emocromo di un paziente linfociti alti presume un’ infezione virale.
Per diagnosticare la sensibilità estetica di una società metodo sicuro è passare in rassegna - interrogando Google - i lampadari offerti dal mercato.

Su centinaia ne ho trovato solo uno degno.

Questo:



Domenica, 04 Dicembre 2011 16:51

Né vietato né obbligatorio

Mi era arrivata una telefonata imprevista, il capo necroforo m’informava che la mattina successiva avrebbero esumato il corpo di mia madre per traslare i resti in una piccola urna o nell’ossario comune, perché al cimitero necessitavano di spazio. Era lì seppellita da ventisei anni, doppia bara di zinco e di legno robusto. Morta lontano dal paese avevano dovuta trasportare la salma sigillata a norma di legge, quasi sotto vuoto spinto come le buste del caffè sullo scaffale del supermercato. All’esumazione mi avrebbero aperto la bara davanti così avrei visto com’era, dopo oltre vent’anni dalla morte, la salma di mamma. Nonostante il tempo trascorso sotto terra la possibilità che il corpo fosse parzialmente inconsunto, perché ben confezionato, era notevole. Presenziare non era vietato né obbligatorio. Non sono andato. Pulvis es et in pulverem reverteris è massima che si addice alla cremazione, negli altri casi il passaggio da un corpo riconoscibile alla polvere è estenuante. Alla Chiesa cattolica piace questo limbo ci pucciano il pane, un modo naif per dribblare la morte. All’ora che l’aprivano ero a casa a bermi un caffè, preso da una busta nuova sotto vuoto spinto, mentre pensavo che l’idea della Morte e la morte reale erano cose davvero diverse. “l’Amore”, “ Dio”, “ la Morte” con la maiuscola sono parolacce da evitare, idee e teorie che complicano e ostacolano il vivere, tarocchi che infettano. La concretezza guarisce.

Mercoledì, 30 Novembre 2011 16:37

Lì per lì

La mattina del compleanno avevo detto a mio padre: “Papà, papà, oggi compio dieci anni!” E lui: “E allora?”

Lì per lì mi ero sentito dentro un racconto di Dickens, crescendo dentro dottrine neoplatoniche, poi sono uscito anche da quelle.

Poteva dirmi: “Auguri” che facevo prima.

Martedì, 29 Novembre 2011 11:00

obtorto collo

Ho venti gatti ben nutriti, al supermercato offrivano croccantini in offerta e ne ho approfittato, ma la qualità era dozzinale e tre gatti si sono trasferiti dal vicino, lì hanno trovato di meglio da mettere sotto i denti.

Accettato un patto di collaborazione, di amicizia, è triste quando una parte si ritira, ma forse meglio del formale tentativo d’onorare il regime dell’appuntamento obtorto collo, come hanno fatto i diciassette felini rimasti fedeli.

Lunedì, 28 Novembre 2011 16:19

'O scarrafone mistico

Le palme muoiono mangiate dal Rhynchophorus ferrugineus, il Punteruolo Rosso.
Ho catturato un esemplare adulto, angosciato faceva il morto: la strategia dei mistici.

Sabato, 19 Novembre 2011 12:02

Dalle mie parti

Dalle mie parti, in Puglia, ispettori del lavoro battono le contrade della zona rurale, così quando scorgono più di due persone che raccolgono olive controllano che siano regolarmente ingaggiate dal proprietario del fondo.
Questi spiega ai controllori che non sono in regola perché fratelli e parenti. Così funziona da centinaia d’anni: ci si aiuta nel vendemmiare e nel raccogliere olive per poi dividersi il vino e l’olio , ma gli agenti – incapaci di distinguere famiglie che celebrano riti ancestrali dal caporalato –  verbalizzano e sanzionano aspramente.

Lunedì, 14 Novembre 2011 12:52

Sopravvalutazione

Il Belgio è rimasto senza governo per 540 giorni e il PIL è cresciuto più che in altri paese europei.

Un pensatore che leggo con profitto osserva da tempo che "quanto maggiore la patologia personale, tanto maggiore è l’identificazione della politica [della persona] con Governo-Parlamento”.
Non so se sia patologico, se così fosse tutti i direttori dei quotidiani, che rendicontano anche delle scoregge dei sottosegretari, opererebbero in odore di psicosi.

Eppure di fatto la nostra esistenza è ben altro pensiero, relazioni, urgenze, appuntamenti da onorare, lavori da svolgere, percorsi da intraprendere, dove il Governo-Parlamento è relegato al posto giusto nelle ultima pagine.

Qualunquismo? No politica.

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati