BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Sacro colon

Sabato, 06 Dicembre 2014
Entra in erboristeria un prete mai visto lo saluto e mi posiziono in ascolto. Lui zitto ispeziona il negozio, guarda e riguarda da tutte le parti e spara: «Non c’è neppure un crocefisso!»Conciliante addito come surrogato l’immagine della Visitazione, quella di Maria e Elisabetta gravide affissa tra il diploma di erborista e la licenza d’opificio di trasformazione alcolici. Lui mi guarda perplesso. Chissà? Forse gli piace di più Gesù morto in croce che dentro a un ventre di donna? O…

Libro mastro

Giovedì, 04 Dicembre 2014
Da quattro anni, esclusi giorni festivi e mese di agosto, prendo cura di me stesso anche leggendo e elaborando quotidianamente “Think!” del dottor Contri. Ho fatto i conti e dovrei allo psicoanalista perlomeno cinquemila euro, invece è gratis… e pensare che il dottore se ne impipa di fare il benefattore.Oltre a questo puntuale ricevere mi accade, in altre relazioni, gratuito dare: a volte si è figli, a volte padri.

Mezzo minuto

Giovedì, 13 Novembre 2014
Non mi ricordo cosa ho sognato questa notte, ma al risveglio per il primo mezzo minuto ho percepito una libertà inedita, così da accorgermi della personale influenza coercitiva che inutilmente mi incatena a me stesso.

Il “paretaro”

Martedì, 21 Ottobre 2014
Nel costruire la parete a secco consideravo la vita degli uomini. C’è la specchia dove si sistemano pietre di tutti i tipi sparse sul terreno che intralciano il cammino. Lavoro di ordine psicologico, epistemologico e estetico. C’è, poi, il muro eretto con pietre scelte per forma e dimensione che, quando necessario, vengono ulteriormente squadrate e ridimensionate. Lavoro di apprendimento e messa in opera di materia prima altrui.Alla fine c’è un terzo movimento, ma lì la metafora mi si è sgarrata…

Il potatore

Sabato, 18 Ottobre 2014
Primo mattino tre motoseghe cantano, è arrivata la squadra dei potatori. Scendo nell’uliveto un po’ addormentato, ammiro la competente aggressione alle piante secolari, rapidi non sbagliano un colpo. Uccio, responsabile della squadra, osserva perplesso un ulivo potato da altri la scorsa primavera. Blocca la motosega e sentenzia: «Non ha preso calci in culo!». Mi sveglio per chiedergli chiarimenti. Dice che quell’ulivo è potato davvero male e mi racconta la sua storia professionale. Sono 45 anni che pota, a 12 anni…

Crono alienazione

Venerdì, 17 Ottobre 2014
Me ne sento quaranta ma vado ai sessanta. Così vecchio? Com’è accaduto? Dei periodi saranno sicuramente trascorsi tanto rapidi da sfuggire al ricordo. Per farli emergere dall’oblio, così da individuarli, ho riportato gli anni della mia esistenza correlati dai relativi compleanni: «1957 un anno, 1958 due anni, 1959 tre…» fino a oggi; integrando date e corrispondenti età con annotazioni di avvenimenti personali e storici un minimo significativi per ravvivare meglio i vari periodi, così da rammentarli.Nell’analizzare il rendiconto è emerso…

L'imprinting

Mercoledì, 15 Ottobre 2014
Ognuno ha il suo imprinting indelebile e io ho quello cattolico. Non lo valuto peggiore di quello borghese e manco di quello marxista. Non mi sarebbe dispiaciuto avere un bell’imprinting anarchico ben incistato nelle viscere, ma tutto sommato non mi lamento.Da tanto tempo ho cambiato idea, eppure anche se mi sono attardato nel contestare parti fondanti del cattolicesimo non sono riuscito a diventare un apostata ortodosso: il cattolicesimo è una bestia strana, onnivora, resiliente, fluttuante, mimetica, onnipervadente. Mica è l’Islam…

Potenzialità & eventualità Spa

Lunedì, 13 Ottobre 2014
Gli dai 5 euro ti dà la ricevuta e si parte a piedi o in bicicletta. Ti fa incontrare ulivi che già vegetavano prima di Cristo in terra con tronchi di oltre 9 metri di circonferenza, carrubi nati nel medioevo, masserie, antichi frantoi ipogei, nascoste chiese rupestri. Mentre un suo giovane coetaneo conterraneo cerca lavoro nella grigia Milano e un altro è occupato a tempo pieno in personali querimonie, lui fa quello che gli piace sotto il sole di Puglia.…

Zuppa di miso

Mercoledì, 24 Settembre 2014
La incrocio sul marciapiede, sembra ringiovanita. Era un po’ che non vedevo la bella signora svizzera, quella che da San Gallo si era trasferita in Puglia, quella fissata col marito per la macrobiotica e la biodinamica. Coppia che si nutriva a brodaglie, quelli del carboidrato si ma la proteina no, del mangia così e mangia cosà, del respira così e respira cosà. Ci fermiamo, mi informa col suo accento tedesco della recente malattia del marito: sarcoma sinoviale, gamba destra amputata…

Le liceali

Venerdì, 19 Settembre 2014
Crepitio dalla ruota anteriore destra, vado dal meccanico. Nell’attesa che si liberi il ponte per alzare l’auto passeggio nei giardinetti pubblici di faccia all’autofficina. Sulle panchine trionfi di cuoricini e scritte a pennarello nero indelebile; davvero numerose, appiccicaticce nei contenuti. Calligrafie così ben leggibili che implorano l’attenzione del passante. Manco un trivio, tutta roba romantica, faccenda di femmine del liceo contiguo ai giardinetti. Una scritta definisce l’amato: «Sei l’interpretazione dei sogni che al mattino ho dimenticato». Il meccanico mi chiama,…

Il relatore

Mercoledì, 17 Settembre 2014
«Io sono…» e annuncia la professione;«all’interno di tale disciplina…» e ostenta sistematizzazione;«mi occupo in particolare di…» e spara la specializzazione.Poi non lo so più perché sono andato via. Se fosse stato un urologo al simposio di laparoscopia della prostata sarei anche rimasto, il problema è che era un filosofo al convegno filosofico.

Il ragioniere

Venerdì, 12 Settembre 2014
Alle 23.01 in mezzo al temporale sono apparsi i fari in fondo al binario, il treno che riportava lontano mia figlia stava arrivando. Due minuti e sarebbe partita, dentro quel tempo ho fatto il bilancio complessivo del mio vivere. Resoconto generale grigiastro: decenni di lavoro e manco so perché esisto. Eppure in questo operare accade, via, via, soddisfazione nel momento presente. Com’è che la somma di tali positività dà come risultato una perdita generale di esercizio? Com’è diversa l’economia esistenziale…

Wow!

Lunedì, 01 Settembre 2014
La scorsa settimana aveva fatto manovra sul piazzale dell’erboristeria per fermarsi col muso dritto, dritto, verso l’uscita. Sul retro del camion c’era scritto: «TRASPORTO SPECIALE CAVALLI MURGESI». Era sceso uno un po’ trasandato, alto, sulla trentina coi capelli neri ricci. Abbronzantissimo era entrato deciso: «Dotto’ faccio sesso sei/sette volte allu jurnu e alla settima calo nu piccu.». Nell’espormi la problematica aveva ondeggiato il bacino per sette volte e con la mano destra stringeva il pugno mentre muoveva rapido avanti e…

La Vespa

Mercoledì, 27 Agosto 2014
Agosto, Taranto centro. Per non pestare le merde dei cani cammino a testa bassa, riconosco la taglia degli autori dalla dimensione dei prodotti. Lo scirocco muove sul marciapiede una locandina caduta dall’edicola, pubblicizza i cinque suicidi in provincia nell’ultimo mese. All’incrocio con viale Magna Grecia rialzo la testa per non essere pestato dall’autobus, il puzzo di gasolio si fonde a quello di merda di cane e sul muro un manifesto: «FESTEGGIAMENTI POPOLARI DI SANTA RITA:COM’E’ BELLO IL MONDO. COM’ E’…

Estate occidentale

Venerdì, 22 Agosto 2014
Grassottello e esausto dopo 15 party, 1 ricevimento, e 12 cene consecutive. E’ il lavorare con l’Altro che regala energia e soddisfazione mica l’intrattenersi.

Il Motore immobile

Mercoledì, 20 Agosto 2014
Nel tardo pomeriggio di mezza estate un uomo di mezza età entra in erboristeria, si piazza in mezzo al locale, fissa immobile l'erborista e dice:Sono Vito Malagnino, senti ammè! Io voglio sapere. Perché ammia moglie tutti gli anni ci viene l’herpes alla vocca il 15 agosto?Erborista. L’herpes alla bocca - Herpes simplex labiale - è un problema infettivo virale; contratta l’infezione si insedia e rimane latente, ma può manifestarsi quando “cala” la risposta immunitaria.Malagnino. Ma perché ammia moglie tutti gli…

Il corridoio

Domenica, 10 Agosto 2014
La statua della Madonna era là in fondo al corridoio dell’ospedale, con dodici lampadine accese intorno alla testa schiacciava la testa al diavolo. Il faccino della Madonna faceva una espressione autistica, un mix di sofferenza e ebbrezza. Il diavolo col tallone sulla tempia tirava fuori la lingua e esausto ghignava eccitato. Non capivo se piaceva di più alla Madonna schiacciare la testa al diavolo o a lui l’essere calpestato. La caposala sulla colonna vicina aveva appiccicato, col cerotto, un manifesto…

Il gelso

Domenica, 10 Agosto 2014
settembre 2013. Osservo il vecchio gelso in mezzo al piazzale. Ho visto amici morire e l’albero perdurare loro. Lo avverto nella sua sacralità, apatica all’epilogo altrui, un po’ crudele: continuerà esserci quando io non ci sarò più.agosto 2014. Annoto - da vivo - che il gelso in mezzo al piazzale è seccato. Morto stecchito.

Sciroppo al Mirto

Venerdì, 08 Agosto 2014
Ho letto Sarte prima di dormire, giusto una mezzora. L'essere e il nulla parte centrale quella un po’ più comprensibile agli erboristi, non filosofi, come me. Quella parte del libro che dettaglia il peccato originale della personale maledizione di essere, ognuno, inevitabilmente "altro" per gli altri e viceversa; insanabile mancanza dove è preclusa qualsiasi positiva edificazione e appagamento con l’altro e tramite l’altro. Osservazione teoretica valorosa e complessa quella di Sartre che stimola il pensiero e la ricerca, eppure stamattina…

Sistema nervoso espanso

Giovedì, 31 Luglio 2014
All’ultima cena, quella di ieri, ero seduto alla destra dello scienziato. Stava bene coi baffi nuovi mentre masticava purè di fave con erbette amare. Sollecitato dai presenti spiegava il suo scomporre la materia fino a raggiungere gli acidi nucleici per analizzarli, manipolarli, amplificarli, clonarli, così da implementare inedito materiale biologico per migliorare il mondo.Una ontologia precisa, abile nell’implementare un univoco inventario dell’esistente “ciò che esiste”, e nell’esistente “ciò che è”, impassibile alle metafisiche delle “cose ultime”. Lo scienziato nel dire…

Lo sguardo dell’altro

Martedì, 29 Luglio 2014
Avevo scelto di incontrarlo perché l’altro è indispensabile alla mia esistenza e alla conoscenza che ho di me. Lì a quattrocchi provavo a guardare di qua, provavo a guardare di là: cercavo di incontrare l’occhio giusto nel suo violento strabismo. Eppure nell’inaspettato brancolare, che non riusciva a guardarlo negli occhi, avvertivo una precisa libertà che regalava inedita positività alla relazione. Tutto sommato occhi dritti che centrano precisi il bersaglio delle pupille altrui possono anche svilire i soggetti guardati in oggetti.…

Porte e finestre

Sabato, 26 Luglio 2014
Pizzeria. Non volevo impicciarmi ma al tavolo vicino i quattro parlavano a voce alta. A metà della seconda birra 0,5 l uno ha iniziato a ricordare l’amico morto di recente. Quello che ingurgitava la crudaiola ha iniziato a proferire angoscianti teorie: ostentava porte di paradiso aperte che accolgono anime elette, là fisse in perpetuo adorare. Non più rassicuranti le bislacche porte sbarrate che ribatteva il compare: «Morti non c’è più niente». Poi imprevisto un piacevole «Non lo so cosa c’è…
L’Olivetti Lettera 35 anni Settanta piazzata sul banco delle tisane estemporanee, quelle che l’erborista prepara su specifica richiesta del cliente: fa prima a stampare l’etichetta della miscela di erbe con l’Olivetti che col Mac. Il figlio adolescente di un cliente osserva lo strumento all’opera e chiede di provarlo.«Prego ragazzo!» Tac, tic, tac. Breve pausa e chiede: «Come si fa a cancellare?» L’erborista comunica che nel congegno non c’è possibilità di cancellazione intesa come sparizione, si può solo coprire col bianchetto…

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati