BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Bruno Vergani

Bruno Vergani

Radiografie appese a un filo. Condivisione di un percorso artistico, davanti al baratro con angoscia parzialmente controllata.

contatti@brunovergani.it

URL del sito web: http://www.brunovergani.it
Sabato, 14 Luglio 2012 09:00

E’ tempo

E’ tempo di riconoscere la realtà delle cose così come sono, l’idea di una realtà trascendente o comunque superiore è  un’innaturale invenzione dell’uomo, un condizionamento sociale. Ricerca di senso bizzarra peculiarità di chi ha la pancia piena e si annoia, oppure è angosciato dai sensi di colpa o di vendetta. Esiste atteggiamento più intimamente sano e socialmente sovversivo di far cessare il desiderio di qualsiasi "oltre"? Occorre solo il coraggio della semplicità per essere qui ed ora. Nel presente basta e avanza il pensiero personale in azione.

Mercoledì, 11 Luglio 2012 09:26

non mi preoccupo

Dopo aver ingurgitato anguria urino di brutto senza conoscere l’ABC della nefrologia.

Sabato, 07 Luglio 2012 12:07

grazia e disgrazia

«Il concetto di evento come forza che nasce su un punto di rottura, genera l'impensabile e l'inimmaginabile, e fa dell'uomo un soggetto capace di verità.» Non è Giussani ma il filosofo, simpatizzante maoista, Alain Badiou ne «L'essere e l'evento» (1988)

Autorizzarsi da sé? Vietato da tutte le parti, obbligatorio evento o avvenimento, disgrazia o grazia. Ma basta.

Venerdì, 06 Luglio 2012 09:04

Il Manualetto

Da questa pagina cliccando al capitolo quarto accedi ad alcuni file audio, li ascolti e ripeti, li riascolti e ripeti ancora e anche se nato in Val Seriana diventerai siciliano, anzi di più: palermitano, catanese e anche messinese.

Manualetto per sembrare senza esserlo. Segno sinistro dei nostri tempi.

Sabato, 30 Giugno 2012 18:58

Errore

Faceva il consulente fiscale ed era già iniziato questo periodo difficile. Ogni due sabati ci incontravamo per programmare impresa, pensavamo e valutavamo ipotesi per il futuro.

Un sabato d’estate non era più venuto perché all’ospedale. Un tumore l’ha ucciso in sei mesi.

Nei nostri incontri mai avevamo valutato la possibilità dell’evento, né per me né per lui. Errore.

Che strano: almanaccare l’idea della Morte con fantastiche escatologie ed eternità connesse inibisce, rallenta, paralizza, conduce in paludi, invece considerare e valutare la possibilità effettiva, pratica, dell'evento porta a non disperdersi, a pensiero rapido e puntuale, a vivere.

Sabato, 30 Giugno 2012 18:54

Atto artistico

Questo momento qui. Tra un’ora non è più arte.

Sabato, 30 Giugno 2012 10:08

L'Empio

Crede in Dio. Frequenta l’orgia dei buontemponi.
Lardoso. D’un flaccido ultramondano, da morto annegato da sette giorni.
Al risveglio l’occhio da pesce lesso si apre sulla provincia. In qualunque luogo si risvegli lo trasforma in provincia.
Sceso dal letto ricomincia a funzionare: canterella al suono dell'arpa, si pareggia a David negli strumenti musicali, beve il vino in larghe coppe, si unge l’adipe del ventre con gli unguenti più raffinati. Sdraiato sopra un trono barocco gira su sé stesso, rotazione perpetua, immodificabile.

Martedì, 26 Giugno 2012 10:08

totalizzatore ippico pascaliano

Dio credo in te perché se esisti ottengo eterna salvezza e se non esisti ho comunque vissuto un'esistenza lieta rispetto alla consapevolezza di finire in polvere.

Se esisti ed io ci ho creduto: + (mi è convenuto);

Se non esisti ed io ci ho creduto: x (non ci ho perso né guadagnato);

Se esisti ed io non ci ho creduto: - (ci ho perso);

Se non esisti ed io non ci ho creduto: x (non ci ho perso né guadagnato).

 

E si udì una voce nel cielo: «Ma per chi cazzo m’avete preso!»

Lunedì, 25 Giugno 2012 14:10

Traboccante/tracotante

Ogni volta che qualcuno riferisce di traboccare grazia penso a idraulici e pozzi neri.

Lunedì, 25 Giugno 2012 13:57

ipermercato

Alla terza scaffalatura un cartello: “ANIMALERIA”.

Sopra i ripiani ossa di plastica e cappottini antisole per cani. Il cartello era preciso-preciso, giusto-giusto: umana bestialità.

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati