BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Lunedì, 22 Marzo 2010 11:33

Chiesa e pedofilia

Scritto da  Bruno Vergani

 

Il Papa negli ultimi giorni ha scritto ai cattolici d’Irlanda sugli abusi sessuali perpetrati a minori, ai sacerdoti coinvolti dice: "Dovete rispondere di ciò che avete fatto davanti a Dio onnipotente, come davanti a tribunali debitamente costituiti". Singolare che un mero richiamo al rispetto basilare del vivere comune sia stato percepito, nella Chiesa e non solo, come una svolta radicale. Se l’ovvio è stato avvertito come cambiamento quasi epocale c’è da chiedersi: com’è stata intesa fino ad oggi la giustizia per la Chiesa cattolica, come si è declinata e come si applicata? Più precisamente, il diritto nella Chiesa ha qualcosa in comune con quello della nostra civiltà o è roba dell’altro mondo?Non sono un esperto di diritto canonico ho però seguito, mio malgrado, le peripezie d’un parente che ha avuto a che fare con “leggi dell’altro mondo”; un anno dopo il matrimonio in Chiesa la moglie lo ha mollato e lui, dopo qualche anno, ha incontrato un’altra donna che voleva risposare in Chiesa. Siccome è vietato si è rivolto a un tribunale ecclesiastico dove i prelati, per trentamila euro, hanno viaggiato a ritroso nel tempo per aggiustare la faccenda. Sono andati nel passato e lì hanno annullato all’origine il primo matrimonio; annullare significa una cosa ben diversa dal cancellare; vuol dire letteralmente che sono entrati in un segmento di tempo passato per estrarre chirurgicamente quello specifico evento per farlo sparire e così, siccome il matrimonio andato storto non è mai accaduto, al mio parente è stato concesso di (ri)sposarsi in chiesa. La dissolvenza sempiterna del matrimonio storicamente accaduto fa si che i figli nati da quel matrimonio non siano mai nati anche se esistono; nessun gioco di prestigio, la teologia cattolica romana spiega: Dio ha preso un corpo che oggi vive nella storia grazie alla presenza della Chiesa, che pur realtà umana e istituzionale è nel contempo divina ed eterna. La Chiesa quindi parlerebbe, giudicherebbe e agirebbe col suo Magistero in nome e con i poteri di Dio stesso. Finché queste credenze, questi giochi di prestigio metafisici non si espandono coinvolgendo la società intera poco male, ma se nostro figlio viene violentato da un sacerdote e la Chiesa con il sacramento della penitenza (confessione) non solo perdona il prete pedofilo ma, indifferente alla vittima e alla giustizia sociale, lo purifica in un sol colpo e a tal livello che l’abuso non solo viene cancellato ma non è mai accaduto e la faccenda, in quanto metafisicamente risolta, finisce lì coperta ai mortali con omissioni, insabbiamenti, reticenze, connivenze e complicità è gravissimo, non solo per la vittima e i suoi familiari, ma per tutti noi perché la ferità rimane socialmente aperta. Non si passa col rosso anche se sei di fretta perché in missione per conto di Dio, questo modo anarchico di pensare e specialmente di fare è pericoloso. Molto pericoloso. Consente di bypassare con assoluta disinvoltura le norme che tutti noi ci siamo dati in nome di una autorità umano/divina che giudica e interpreta autoreferenzialmente il mondo. Che cosa sia il diritto in assoluto non lo sappiamo; problema aperto e ginepraio inestricabile, ma per fortuna nel nostro vivere quotidiano le cose sono sufficientemente definite: se parcheggi dove è vietato potresti prendere una multa e se rubi condannato ad una pena. Regole e norme codificate e condivise luogo della nostra identificazione sociale e politica, rimedio per lenire almeno un po’ le ferite e ricomporre il vivere insieme. Sembra che anche il Papa apprezzi e si stia lentamente adeguando.Bruno Vergani

Ultima modifica il Venerdì, 28 Ottobre 2011 23:53

3 commenti

  • Link al commento  bruno vergani moderatore Giovedì, 25 Marzo 2010 20:22 inviato da bruno vergani moderatore

    Cara Chiara. Non possiamo escludere, ed i fatti confermano, che per alcuni la scelta innaturale del celibato religioso sia cercata e abbracciata per coprire, con strategia inconscia, personali problemi sessuali ed intime perversioni latenti, nel tentativo di insabbiarli sublimandoli in una scelta socialmente “alta” e condivisa. Ma la strategia non funziona e i problemi rimangono, a maggior ragione, assolutamente irrisolti; proprio perché nascosti il puzzo aumenta come quello di un topo morto che marcisce dietro all’armadio. La Chiesa, nei migliori dei casi, sottovaluta questa possibilità e di norma la rifiuta con sdegno così gli innocenti pagano. Si c’è davvero “qualcosa che non va” per usare un eufemismo; a cominciare da una certa teologia dove Iddio ha sacrificato suo figlio innocente e da lì... il ciclo continua.
    Bruno

    Rapporto
  • Link al commento  chiara Giovedì, 25 Marzo 2010 18:48 inviato da chiara

    Vorrei tanto poter credere che il Papa sia in buona fede...ma non mi riesce proprio!
    Il problema purtroppo è che la Chiesa stessa è una catena di ipocrisie, di coperture, di facciate da salvare...è sbagliato anche prendersela solo col Papa, è tutto il sistema che è profondamente corrotto. Ma, in fondo, potrebbe anche anche andare bene così se non si arrivasse alla naturale conseguenza dei sistemi perversi e corrotti, che è quella di sopraffare i più piccoli, i più deboli, i più fragili...i bambini appunto, e perdipiù sordomuti! Io non ho parole, non esistono scuse, nè per il papa, nè per la chiesa in generale. E non mi vengano a dire che la pedofilia è una piaga dell'umanità e non solo della chiesa, primo perchè questo non giustifica affatto le atrocità commesse, e secondo perchè è inammissibile che chi dovrebbe dare l'intera vita al servizio degli altri, invece la distrugga! Questa ipocrisia mi fa una rabbia che non fa che aumentare la mia distanza dalla chiesa.

    Rapporto
  • Link al commento  nicoletta Lunedì, 22 Marzo 2010 17:40 inviato da nicoletta

    Che si dia una mossa

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati