BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Mercoledì, 27 Novembre 2019 13:41

Tira e molla

Scritto da 

Con l’affermarsi del cristianesimo il dio impersonale dei pagani fu spodestato da un Padre creatore davvero particolareggiato. Interessante notare come in quel periodo il Neostoicismo -Seneca, Epitteto, Marco Aurelio- pur permanendo pagano remava nella stessa direzione del cristianesimo, quasi ci fosse il desiderio collettivo che dio avesse finalmente una faccia.

Trovatala è durata secoli e secoli, finché i moderni stanchi della sfacciataggine l’avevano accoppata. Oggi per liberarci dall’ingombro di suoi frammenti residui remiamo in direzione dell’antico impersonale dio pagano, che l’attuale panteismo New Age sta provando a riproporre.

Non possiamo escludere, visti i precedenti storici, che ritrovato quel nebuloso dio ci tornerà la nostalgia di suoi connotati più precisi, ma appena il suo volto si rivelerà con severa precisione lo accopperemo di nuovo fino a quando nostalgici di sue fattezze più definite lo faremo risorgere ancora.

Ultima modifica il Lunedì, 02 Dicembre 2019 09:23
Altro in questa categoria: « Laicità

1 commento

  • Link al commento armando caccamo Giovedì, 28 Novembre 2019 06:18 inviato da armando caccamo

    Quanto è vera la tua considerazione, caro Bruno!
    Il dramma dell’uomo? Non poter pensare “spirituale” al di fuori della
    dimensione umana; eppure la scienza ci ha detto quanto ristretta sia la
    nostra visuale! Il processo di individuazione, che ci permette l’Io, non è
    capace di pensare anche il Tutto. Lo spirito del mondo è necessario quanto
    il mondo fisico stesso, ma noi gli mettiamo la barba, i capelli lunghi e gli occhi azzurri!

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati