BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Domenica, 15 Dicembre 2019 16:24

Cerchio o retta? Spirale.

Scritto da 

“Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?” è il titolo di un olio su tela di Gauguin e tormentone filosofico esistenzialistico imperversante negli anni ’70. Oggi ad eccezione di qualche strascico in ambienti New Age il quesito ha perso il suo appeal e si evita di riproporlo. Appare evidente che i tre tempi della domanda già danno, implicitamente, chiara e univoca risposta dettata da un moto rettilineo squisitamente cristiano.

Solo un teista nostrano davvero convinto si sente a suo completo agio nel rispondere senza dubitare, proclamando una lineare storia di salvezza, sua e del mondo, nel costante progredire dalla creazione alla parusia. Non così nelle visioni circolari e nelle concezioni cicliche che caratterizzano le filosofie orientali e il pensiero greco, dove una domanda così impostata non avrebbe ragione.

Eppure c’è del vero in entrambe le concezioni: nasciamo, cresciamo e invecchiamo con movimento rettilineo ma, nondimeno, in autunni e primavere che ciclicamente ritornano con incessante puntualità. Per esemplificare geometricamente il muoversi della vita forse meglio escogitare un mix di rettilineo e di ciclico e la spirale, sorta di retta-circolare, potrebbe andar bene, DNA docet.

Ultima modifica il Lunedì, 16 Dicembre 2019 14:55

2 commenti

  • Link al commento germano federici Lunedì, 16 Dicembre 2019 20:12 inviato da germano federici

    mi sta bene la spirale, ma ...
    la immagino con anse basculanti, che oscillano un po' su e giù, come il processo di umanizzazione. La cosa è ancora più complessa, perché magari per qualche aspetto nello stesso periodo storico l'ansa si spinge in su verso una più matura umanità e per qualche altro si spinge in giù. Altro che otto volante. Vivere nel mondo è davvero poco rettilineo in uno spazio a n dimensioni.

    Rapporto
  • Link al commento armando caccamo Lunedì, 16 Dicembre 2019 06:20 inviato da armando caccamo

    La torre di Babele viene raffigurata spesso come una spirale, la Biblioteca descritta dal grande Borges è una spirale ed anche il tragitto della "Comedia" in fondo è una spirale ..... riflettiamo: né retta né cerchio, la spirale è l'unica figura geometrica che richiama le quattro dimensioni ... lo spazio-tempo....

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati