BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Sabato, 17 Giugno 2017 11:14

Orrido

Scritto da 

Ieri sera, dopo mezzo litro di birra in più, nel considerare le meccaniche celesti dell'universo ho visto la geografia del nostro mondo e la sua storia, le religioni al completo, l’umano pensiero dai presocratici a oggi e i miliardi di miei simili ora viventi, tutte fugaci minuzie.

Incapace di permanere al cospetto di tale eterno funzionamento che orbo rispetto al mio umano vedere sentenziava la futura probabile fine dell'umanità intera, avevo lenito la mia impotenza sparando: «Va bene così, tutto sommato Homo sapiens ha rotto i coglioni.»

Oggi, smaltita la birra, ho ricominciato utilizzando i capitali di cui dispongo: personale pensiero, gli amici di questo mondo, il gatto che vive con me, l'albero di tiglio che sta fiorendo in giardino. Una sorta di provincialismo cosmico eppure reale e nel frattempo conveniente mentre le galassie fanno il loro corso.

 

Ultima modifica il Domenica, 18 Giugno 2017 22:11

2 commenti

  • Link al commento Bruno Vergani Mercoledì, 28 Giugno 2017 13:33 inviato da Bruno Vergani

    Mi scrive l’amico Orlando Franceschelli
    ( http://franceschelli.altervista.org/ ) al quale devo molto, forse tutto, riguardo il naturalismo che provo a chiarirmi, elaborare e perseguire, anche se lui commentando l’articolo «condivisibile saggezza dell'eco-appartenenza! » annota che «gli stimoli sono sempre reciproci».

    Rapporto
  • Link al commento armando caccamo Mercoledì, 28 Giugno 2017 07:45 inviato da armando caccamo

    Ho letto di recente l'ultimo libro di Carlo Rovelli: l'ordine del tempo e mi sono beato. Il nostro "provincialismo cosmico" ci consente di vivere la vita meravigliosa che viviamo. Cerchiamo di non chiedere troppo alla conoscenza (conoscenza legittima ma a volte irrilevante per la nostra vita quotidiana), e contentiamoci del nostro "personale pensiero", degli "amici (e dei buoni conoscenti) di questo mondo", del "gatto che vive con noi", dell'albero di tiglio che fiorisce" e godiamone! Grazie.

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati