BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 15 Maggio 2014 21:01

Elogio della felicità possibile

Scritto da 

Una prospettiva filosofica capace di offrire motivate plausibilità invece che verità fossilizzate in presupposte perfezioni, risulta affidabile, piacevole, coinvolgente e proficua. Così è il saggio di Orlando Franceschelli «Elogio della felicità possibile» con sottotitolo «Il principio natura e la saggezza della filosofia». Saggio filosofico che, pur nella sua esauriente e valorosa esposizione del naturalismo, si stenta a sistematizzare in categorie di pensiero precostituite perché bilancio di un uomo di pensiero che giunto a maturità del suo percorso dice, diretto e onesto, risposte ai temi cruciali dell’esistere. Complessità che l’Autore semplifica senza anestetizzare - indizio preciso di forza e di competenza – fruibile, dunque, anche ai non filosofi di professione, se volenterosi. Risulterebbe una perdita omettere questo rapporto diretto Autore-lettore, da uomo a uomo, smarrendosi nel confutare intellettualmente o ideologicamente alcune tesi del saggio, o viceversa nell’accettarlo dottrinalmente riducendolo a manuale del naturalista ortodosso. L’opera esige e stimola, in ogni passaggio, interazione personale fluttuante e laboriosa in presa diretta.

Nel libro è esposto il naturalismo filosofico nella sua complessa totalità: viene definita la sua contiguità alla scienza senza esserne inglobato (“la plausibilità, non la verità o lo scientismo”). Del naturalismo viene dettagliata la tradizione antica e consolidata; gli sviluppi post-moderni; esposto il metodo; l’umanesimo peculiare; analizzato il suo rapporto col tempo e con le nuove frontiere aperte dalla fisica teorica. Vengono indagati i possibili equivoci nel suo sviluppo e approfondito il rapporto dialettico con le differenti filosofie e visioni della realtà. Una “saggezza della verità possibile” che, inevitabilmente, si confronta e collide con le Teorie di redenzione escatologica della contingenza correlate alla tradizione platonico-cristiana e ai connessi surrogati storici, non necessariamente religiosi. Arguta la diagnosi di questi ultimi: nichilismi e esistenzialismi di pensatori che percependosi in esilio, “gettati” nel mondo da Entità misteriose, anelano nostalgici a metafisiche risolutive, sovente apparentemente estranee alla religiosità invece dirette traduzioni secolari contaminate da insidiose cripto-teologie onnipervadenti. Teorie ontologiche della mancanza che propongono felicità eterne sovrannaturali e che trovano, nella visione dell’Autore, inaspettati amici Agostino e Kant.

Diffidando dell’eterno e dell’infinito, fronteggiando qualsiasi soprannaturale, il naturalismo propone un definitivo “congedo naturalistico da ogni felicità (e potenza) perfetta”. Coraggioso (anti)eroismo ontologicamente autartico ben consapevole del personale limite, del dolore e della morte, capace di una felicità parziale, imperfetta e in divenire, ma proprio per questo possibile nella motivata e realistica saggezza del presente, invece che in immaginarie esaltazioni consolatorie proiettate nel futuro.

Nel saggio è affrontata l’umana sofferenza e la morte. Dalla personale - Ars moriendi - rispetto alla quale il naturalismo coltiva “una plausibile familiarità”, alle tragedie collettive con riferimenti storiografici precisi - Primo Levi, Shoah, desaparecidos - noncurante di Enti assoluti quali la Morte, il Dolore, quelli rigorosamente con l’articolo determinativo e in maiuscolo, cari ai teismi e ad alcune filosofie.

Eppure in tanto rigore è proposto un naturalismo aperto e capace, in una “antropologia dell’ecoappartenenza”, di dialogo con la teologia e la metafisica. Un umanesimo in prospettiva post-cristiana non anti-cristiana. Da qui una critica articolata nei confronti di Nietzsche: «E’ nella pace e nella gioia dell’eudaimonia, non nella lotta, che siamo interessati e in grado di trascorrere e godere il nostro presente.»

Motivo di moderata perplessità nel merito riguarda i “rimpianti antropocentrici”, per i quali trovo solidi motivi di ragionevolezza, ma che il naturalismo giudica pregiudizio liquidandoli con una rasoiata. Eppure nel sovrumano accadimento del mondo è proprio e solo nell’uomo che la natura diventa consapevole di sé stessa, lo dimostra preciso, plasticamente, il saggio in oggetto dalla prima pagina all’ultima. Faccenda strana una “fucina cosmica” generante - seppur non ontologicamente ma evolutivamente - soggetti capaci di pensiero sovrano, abili nell’inferenza al punto di potersi emancipare da funzionamenti naturali e decreti biologici. Sensibili nel percepire con profitto personale il profumo dei fiori di ginestra, come in un bellissimo passaggio Franceschelli annota di Leopardi. E che sarà della apatica ginestra su uno scoglio irraggiungibile? E di quella che incontra l’erborista chiamandola Cytisus scoparius raccogliendone i fiori per estrarne l’alcaloide sparteina tanto benefica nelle aritmie?
Ma la natura è quello che è o quello che pensi?

Orlando Franceschelli
Elogio della felicità possibile
Il principio natura e la saggezza della filosofia
Donzelli editore 2014

 

Ultima modifica il Sabato, 18 Aprile 2015 18:38

6 commenti

  • Link al commento alessandra.piccinini1 Mercoledì, 21 Maggio 2014 19:42 inviato da alessandra.piccinini1

    Grazie una volta per tutte Bruno. Suggerimenti meravigliosi e preziosi per lettori pigri e persi come me

    Rapporto
  • Link al commento Bruno Vergani Sabato, 17 Maggio 2014 12:52 inviato da Bruno Vergani

    Evidentemente il naturalismo affronta l’antropocentrismo nella sua evidenza empirica. All’inizio del Capitolo III:
    «Fatti di geni e cultura: antropologia dell’acoappartenenza»,
    Franceschelli sensibilissimo alla tematica pone in esergo il noto frammento del canto di Leopardi:

    « Natura umana, or come,
    Se frale in tutto e vile,
    Se polve ed ombra sei, tant'alto senti?»

    Valutando “reale e persino sorprendente” la singolarità complessa dell’umana natura per poi articolare ipotesi e spiegazioni plausibili allo straordinario accadimento.
    Le ho lette avvertendole dignitose ipotesi di lavoro - qualcuna davvero valorosa e inedita - ma alla fine nel chiedermi ragione dello straordinario umano accadimento rispondo: “Non lo so”.

    Rapporto
  • Link al commento Bruno Vergani Venerdì, 16 Maggio 2014 18:03 inviato da Bruno Vergani

    Cara Paola, se ti è piaciuta la recensione figurati il libro. Davvero valoroso lo consiglio.

    Rapporto
  • Link al commento Paola Venerdì, 16 Maggio 2014 15:55 inviato da Paola

    Caro Bruno, non finisci mai di stupirmi...leggere quello che scrivi è nello stesso tempo impegnativo e stimolante...

    Rapporto
  • Link al commento Bruno Vergani Venerdì, 16 Maggio 2014 08:27 inviato da Bruno Vergani

    Fatto caro Augusto. Ma ai maestri è consentito fare i correttori di bozze degli allievi?

    Rapporto
  • Link al commento Augusto Cavadi Venerdì, 16 Maggio 2014 08:17 inviato da Augusto Cavadi

    Bravo Bruno ! Sei il più filosofo dei non-filosofi (di mestiere) che abbia sinora incontrato (a pari merito con Pietro Spalla, mio compare di ...cenette).
    Credo che un 'trova' alla fine del secondo paragrafo debba diventare 'trovano'.

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati