BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 16 Gennaio 2020 18:11

Metafisica di Viperina ruvidissima

Scritto da 

Quest’inverno sotto casa sono spuntate numerose piante di Viperina ruvidissima (Echium asperrimum Lam.). Simile alla più nota Viperina volgare (Echium vulgare L.) quella col fiore azzurro, la ruvidissima è un poco più spinosa e ha il fiore rosa pallido, plausibile sia una sottospecie della volgare mutata per adattarsi a climi caldi. Fermarsi soddisfatti a questa prima osservazione (cosa c'è e come appare ciò che c’è) e sistematizzazione (catalogazione di quello che c’è per mezzo di una convenzionale nomenclatura condivisa), implica nell’osservatore la concezione -perlopiù inconsapevole- che Viperina ruvidissima sia essa stessa a conferirsi l'essere, per la bruta evidenza che c’è.

Ma indagando meglio realizziamo che questo “tutto qui” non può considerarsi conclusivo, visto che il mondo è mosso da una serie di cause che producono effetti a loro volta cause e che, dunque, il supporre che sia Viperina ruvidissima ad auto-conferirsi l’essere, è più un arbitrio dell’osservatore (interpretazione, credenza) che dinamica reale. Per capirne di più della Viperina ruvidissima dobbiamo, quindi, oltreché osservarla, tentare di indagare l’essenza della sua esistenza, ovvero cogliere - alla Aristotele e alla Tommaso d'Aquino - che cosa realmente è, come è, perché è, da dove è (metafisica-intrafisica del suo sussistere).

Scorgo due possibili ipotesi:

a) Viperina ruvidissima è una manifestazione dell’ordinato e insieme casuale funzionamento naturale, Natura che sarebbe causa di sé medesima (causa sui, Spinoza). Se le cose stanno così ci troveremmo ancora a dover accettare che sia un ente -seppur complesso e universale come l’intera natura rispetto alla più modesta Viperina ruvidissima- a conferirsi l'essere; un mero spostare il problema delle criticità del causa sui, che per certi aspetti è un escamotage linguistico, visto che nessuno ha mai visto qualcosa auto-accadere, mentre tutti vediamo accadimenti prodotti da cause, ad iniziare da noi stessi che non ci siamo auto-fatti ma siamo a seguito di concanetamenti di cause-effetti;

b) concludere che Viperina ruvidissima sia creata da Dio (causa prima), ma anche questa possibilità lascia perplessi visto che, come tutte le piante, muta di continuo adattandosi all’ambiente e sarebbe un Dio davvero bizzarro quello indaffarato nel rimodularla di continuo, anche considerando la comica eventualità che il Creatore delegasse la mansione a un qualche demiurgo.

Non ho risposta al mistero in progress di Viperina ruvidissima e forse è meglio così, ogni spiegazione conclusiva risulterebbe incompatibile col suo continuo moto trasformativo, indizio di una sua origine ontologica e sussistenza metafisica non imbrigliabile in prefissati concetti.

Ultima modifica il Giovedì, 16 Gennaio 2020 19:07
Altro in questa categoria: « La poiana Lettera ai romani »

2 commenti

  • Link al commento germano federici Venerdì, 17 Gennaio 2020 19:06 inviato da germano federici

    La risposta l'ha data Darwin per quanto riguarda il processo generale e, per quanto riguarda il come e il perché, la possono comprovare nei dettagli i biologi molecolari e, più difficilmente, i paleontologi.
    Se Aristotele avesse potuto conoscere quanto scoperto da Darwin in poi, data la sua genialità filosofica, ci avrebbe fornito una definizione evoluta, perché evolutiva, del concetto di ente e della disciplina che lo definisce (ontologia). Certo non fissista né essenzialista. Io che, ahimé!, non sono né Aristotele né Darwin guardo le piante solo con stupore e gratitudine per il loro esistere, perché, come diceva il fondatore dell'associazione di cui faccio parte "anche nella tempesta un fiore dona sempre un sorriso". Evidentemente anche tra i trulli.

    Rapporto
  • Link al commento armando caccamo Venerdì, 17 Gennaio 2020 06:57 inviato da armando caccamo

    Io penso che tutto ciò che accade è la somma di infiniti accadimenti ognuno dei quali ha una causa e un effetto. Il famoso detto che il battere delle ali di una farfalla in Australia può causare un uragano in Asia è supportato da questo concetto. Il mondo in divenire è una matassa ingarbugliata e cercare di venirne a capo è impresa al di sopra delle possibilità umane. Limitiamoci ad ammirare la Natura per quello che ci è concesso (da chi?), cercando di capirne i meccanismi “prossimali”, tanto ciò che causa una stella “nova” o un buco nero che si forma e ciò che questi accadimenti scatenano è troppo dilatato nel tempo e nello spazio per avere una ragione del perché, almeno per noi uomini!

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati