BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Martedì, 27 Ottobre 2009 22:33

Memorie di un ex monaco. Note sull'obbedienza

Scritto da  Bruno Vergani

Sappiamo dei vantaggi e delle difficoltà nei gruppi umani. Il club sostiene, stimola e talvolta consola. Poi chiede il conto alle soggettività in gioco: adattamento, tolleranza, comprensione e qualche rinuncia in nome della causa comune. Ho osservato gruppi, atei o con fede, con soggettività assolutamente eterogenee rimaste stabilmente unite. Questione di bilancio: probabilmente il dare/avere raggiunge, per ogni singolo appartenente, un discreto equilibrio. La compagnia sacramentale è altra cosa. E’ permanenza di Cristo presente nel rapporto con l’autorità. Si esprime in una compagnia guidata da uomini che per processo analogico, direi misterico se non evocasse qualcosa di pagano, rappresentano Cristo stesso. Il mistero dell’autorità è il mistero di Cristo. Gli addetti ai lavori chiamano la modalità di questo rapporto carisma.

Alcuni sperimentano il carisma in modo vago. Credono che il Papa rappresenti Cristo nella storia e così lo guardano con devozione al telegiornale delle 13 e un paio di volte nella vita vanno in piazza San Pietro a battergli le mani sotto la finestra. La modalità di relazione con l’autorità non determina significativi cambiamenti del loro vivere. Continueranno amando e lavorando come riterranno opportuno, ispirandosi di tanto in tanto a quella generica figura di riferimento, con la quale manterranno informe e intermittente fedeltà e obbedienza. Per altri la modalità di rapporto col Dio presente attraverso l’autorità assume maggior concretezza e precisione. Seguono un responsabile nel gruppo ecclesiastico a cui appartengono. Siccome la compagnia è guidata per adempiere al precetto si recheranno una volta al mese dall’autista, così a colloquio con il Dio che si manifesta attraverso il superiore metteranno sul tappeto le scelte di vita che decideranno di riferire al superiore, poi cercheranno di aderire alle indicazioni avute. Siccome non è proibito anche se non è necessario possiamo far sì che la verifica umano esistenziale del carisma si concentri maggiormente, per appurare quanto sia è plausibile che Dio si possa mostrare attraverso l’autorità di uomini. Addentriamoci nei pericolosi territori dove si fa esperienza del carisma al massimo grado. Alto dosaggio, concentrazione fino alla saturazione rifiutando modalità di rapporto con l’autorità generiche, intellettuali, vaghe e indeterminate. Esperienza fisica completa, attrito radente. Nella sala prova motori rasentiamo il fuori giri per appurare se il pistone grippa o si esprime in tutta la sua gloria. Carisma con oggetto reale. Vincolo netto. Fatti. Nomi. Carisma che concresce, che si rapprende e indurisce. La verifica al massimo dosaggio va pur eseguita, perché un po’ di veleno a bassissime dosi può anche curare, quindi ci sembrerà innocuo o assolutamente utile. Solo nell’aumentare la concentrazione capiremo se è mortifero o salvifico.

Ambiente di prova congruo all’esperimento: ambienti monastici. Lì nel ruolo di ultimo novizio, subalterno a tutti, potremo verificare sul campo quanto il carisma specifico, come modalità di rapporto assoluto con l’autorità, ci farà fiorire in umanità, energia, passione e vitalità. Il minimo sindacale che si possa chiedere ad un Dio incarnato che promette il centuplo quaggiù. La verifica sarà totale, assoluta, pragmatica e precisissima, così dai frutti riconosceremo l'albero. Escludiamo teologie o filosofie inquinanti, solo carne e sangue, nomi e cognomi: novizio Antonio, capo casa Gennaro. Dentro questa obbedienza materica full time verificheremo quanto Antonio nell’obbedire per davvero al capo casa Gennaro si realizzerà come uomo attraverso il carisma. Nel farlo non basta ad Antonio il far proprie le ragioni di Gennaro, individuando ed accogliendo e quindi eseguendo l'informazione di fondo che il capo esprime. Nella pratica quotidiana del novizio Antonio non basta accondiscendenza, accettazione e neppure identificazione con Gennaro. Antonio dovrà perlomeno appropriarsi dei contenuti, dei giudizi e delle opinioni di Gennaro per farle diventare intimamente proprie sentendone il valore in quanto Gennaro è Cristo presente. Ma questo non è ancora sufficiente, per Antonio urge- indifferente al grado di sensibilità, onestà e verità del capo- l’assoluta interiorizzazione di Gennaro per la sacramentalità dal capo espressa e significata. Le parole che accompagnano il processo appaiono affascinanti: carisma, analogia, segno, mistero, sacramento ma tutte significano una cosa: che Antonio abbia a dipendere ontologicamente da Gennaro. Ontologicamente vuol dire che è questione di vita o di morte. Anzi di più. La stessa percezioni d’essere di Antonio dipende dall’obbedienza a Gennaro. Il codice penale, che nulla capisce di queste cose, definiva tale dinamica plagio. Don Giussani che invece comprendeva la chiamava Mistero così si attardava a giocare col fuoco. Sapendo quanto il peccato originale rende i bambini e gli adolescenti ingenui dovevano alzare l’età di ingresso nelle case dei Memores almeno ai quarant’anni. Però, se ben ricordo, in quegli anni si chiamava “Gruppo adulto” un nome giusto. Quando ho eseguito l’esperimento ero giovane quindi ingenuo ma non innocente, perché già capace di far del male a me stesso. Dovrebbero scriverlo sulla porta delle case dei Memores: vietato l’ingresso agli ingenui. Però non è escluso che in qualche modo misterioso Iddio si veicoli agli uomini con la somministrazione di carismi specifici. Attenzione ai dosaggi.

Ultima modifica il Venerdì, 15 Agosto 2014 08:33

4 commenti

  • Link al commento Valdo Domenica, 04 Marzo 2018 17:47 inviato da Valdo

    Qui Papa Francesco, che pure normalmente non mi piace (lo dico da laico), ha ragione. Il problema però è solo spostato perché dire che il centro non è il carisma (è quindi nel caso specifico CL e perciò le indicazioni dei suoi rappresentanti) è sacrosanto ma non basta. Infatti dice che il centro deve essere Cristo.. ma Cristo chi e cosa è nel concreto? Se dici che è il Vangelo, dici una cosa vaga, perché puoi interpretarlo in mille modi. Se dici che è la sua presenza nella storia attraverso la Chiesa, sposti solo in problema e passi dall'obbedienza a don Giussani e i suoi eredi e sottoposti all'obbedienza alla gerarchia ecclesiastica. Sempre meglio, secondo me, la seconda soluzione, è anche più corretta secondo il magistero, però poi scendendo per li rami significa che devi obbedire al Vescovo, al parroco, al catechista della parrocchia o al capogruppo.. . Insomma, comunque la guardi, nella Chiesa il termine libertà finisce sempre per coincidere con quello di obbedienza a qualcuno di esterno a te stesso.

    Rapporto
  • Link al commento Bruno Vergani Mercoledì, 11 Marzo 2015 08:37 inviato da Bruno Vergani

    Francesco, udienza a Comunione e Liberazione, 7 marzo 2015:
    «… Ricordate che il centro non è il carisma, il centro è uno solo, è Gesù, Gesù Cristo! Quando metto al centro il mio metodo spirituale, il mio cammino spirituale, il mio modo di attuarlo, io esco di strada. Tutta la spiritualità, tutti i carismi nella Chiesa devono essere “decentrati”: al centro c’è solo il Signore!»

    Rapporto
  • Link al commento  bruno vergani moderatore Mercoledì, 04 Novembre 2009 14:13 inviato da bruno vergani moderatore

    Rispondo a Chiara. Grazie a te chiara. Aiutare è una parola insidiosa. A differenza delle autorità che il ragazzo segue io non possiedo verità. No conosco la cosa giusta da fare per te e per lui, rifiuto responsabilità nei suoi confronti. Ignoro quanto e se stia davvero male e quale sia il suo vero bene. Ti posso semplicemente assicurare, per esperienza personale, che l’evidenza della non necessità di continuare ad obbedire che tu dall’esterno quasi maternamente gli auguri, per chi è dentro la bolla è invece urgenza ontologica. Le motivazioni proposte con il bene nel cuore, da chi conduce, sono tanto sofisticate da penetrare nelle cellule e l’abbandono del gruppo è avvertito come l’andar contro a se stessi, ma non è detto che sia un inferno asfittico per tutti, non escludo che qualcuno trovi per semplicità e immediatezza l’esperienza esaltante e gioiosa. Per me non è stato così e ho scelto un complesso smarrimento, la lotta quotidiana per un traballante pezzo di senso. Preferisco così, ma non ci invito nessuno. Quello che mi ha colpito è la tua percezione di “tenerezza estrema”. Forse urge da parte tua un approfondimento, un andarti dentro per vedere cos’è e da dove viene questa percezione. aiuterebbe sicuramente. Tutti quanti. Ti abbraccio. Bruno

    Rapporto
  • Link al commento  chiara Mercoledì, 04 Novembre 2009 10:57 inviato da chiara

    ho letto memorie di un ex monaco. Innanzitutto ti ringrazio per le cose che hai scritto, nessuno mai aveva auto prima questo coraggio. Le cose che scrivi purtroppo sono tremendamente vere. Conosco personalmete un "ragazzo" appartenente ai memores, e mi fa una tenerezza indescivibile. Avrei voglia di aiutarlo a ritrovare se stesso, a smettere di obbedire as questa Autorità, e finalmente ad essere un uomo libeo.Aiutami

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati