BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Sabato, 02 Ottobre 2021 23:26

Dell’utopica erica

Scritto da 

Ho ordinato dieci piantine di erica arborea da un vivaio calabrese così da ricostituire, nell’orto botanico che sto allestendo, una macchia mediterranea completa. Ho già piantumato un centinaio di specie differenti, ma se considero il padiglione del Royal Botanic Kew Gardens dedicato alle piante mediterranee con migliaia di essenze, o a certi angoli naturali intorno all’Etna con distese di erica arborea a vista d’occhio, che senso ha quel giardinetto sotto casa che vale meno di uno sputo?

Si potrebbe almanaccare che se dalle mie parti tutti facessero come me ci sarebbe un territorio più sano e più bello, ma siccome tutti non lo fanno rimane quello sputo.

Eppure una strana forza mi spinge a continuare. Probabile che quel piccolo giardino sia un’utopia, uno schizzo per fermare una idea, un posto per farci abitare qualcuno.

Ultima modifica il Domenica, 03 Ottobre 2021 16:56
Altro in questa categoria: « Onniveggenza empirica

2 commenti

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati