BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Sabato, 10 Ottobre 2020 10:21

Ti è piaciuta?

Scritto da 

Ti è piaciuta l’ultima enciclica papale Fratelli Tutti? "Questo linguaggio è duro, chi può intenderlo?" Però se lo condividi devi correre subito alla stazione e portarti a casa quei tre mendicanti che hai incontrato stamattina. Perché di questo si tratta, né di più, né di meno.[1]

Forse Francesco sta picchiando più duro del necessario ed io alla stazione non ci vado, ma dopotutto il messaggio di Gesù di Nazareth è cosa un po' folle e piuttosto estrema, poco ha a che fare con il corpo dottrinale e rituale derivato dall’ellenizzazione del monoteismo semitico migrato nel Nuovo Testamento, quello che abbiamo imparato al catechismo.

___________________________________

1 "Il principio dell’uso comune dei beni creati per tutti è il «primo principio di tutto l’ordinamento etico- sociale», è un diritto naturale, originario e prioritario. Tutti gli altri diritti sui beni necessari alla realizzazione integrale delle persone, inclusi quello della proprietà privata e qualunque altro, «non devono quindi intralciare, bensì, al contrario, facilitarne la realizzazione». Il diritto alla proprietà privata si può considerare solo come un diritto naturale secondario e derivato dal principio della destinazione universale dei beni creati, e ciò ha conseguenze molto concrete, che devono riflettersi sul funzionamento della società. Accade però frequentemente che i diritti secondari si pongono al di sopra di quelli prioritari e originari, privandoli di rilevanza pratica."

Ultima modifica il Lunedì, 12 Ottobre 2020 09:44

2 commenti

  • Link al commento Augusto Cavadi Lunedì, 12 Ottobre 2020 21:00 inviato da Augusto Cavadi

    Questo passaggio dell'encicica ribadisce la dottrina tradizionale della Chiesa cattolica dai padri del V secolo a Benedetto XVI. Il guaio è che, per varie ragioni, la Chiesa cattolica si è specializzata nell'arte di separare schizofrenicamente il piano della dotttrina dal piano delle azioni effettive. Anni fa ne scrivevo anche sul capitolo dedicato alla Dottrina sociale cattolica del mio libretto "La bellezza della politica. Attraverso e oltre le ideologie del Novecento" (Di Girolamo, Trapani).

    Rapporto
  • Link al commento Armando Caccamo Sabato, 10 Ottobre 2020 16:50 inviato da Armando Caccamo

    L’argomento è troppo importante per essere commentato superficialmente! Quindi mi taccio ma vorrei tanto confrontarmi con calma e competenza e sono sprovvisto dell’una e dell’altra!

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati