BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Domenica, 13 Ottobre 2019 17:20

Brav’uomo

Scritto da 

S’impegnava ad essere ragionevole nell’analizzare i fatti, le circostanze e le situazioni che incontrava nel suo esistere. Essere ragionevole significava giudicare l’ambiente attraverso le leggi condivise in quella piccola parte di mondo, conformandosi agli usi e ai costumi del suo tempo.

Per essere brave persone è d’obbligo un bel po’ di miopia.

Altro in questa categoria: « Ruoli Assegnamento fiduciario »

2 commenti

  • Link al commento Bruno Vergani Lunedì, 14 Ottobre 2019 09:13 inviato da Bruno Vergani

    Caro Armando ieri sera ho letto che per l’antico sofismo -specialmente in Gorgia- l’ “etica delle circostanze” non è la migliore ma è l’unica possibile. In effetti senza una metafisica e inerenti valori, senza una Natura con leggi immutabili, tutto è relativo all'umano contesto storico, dove la realtà-verità si rivela per mezzo di chi la sa inventare meglio (persuasione). In effetti è anche così, ma non è solo così.

    Rapporto
  • Link al commento armando caccamo Lunedì, 14 Ottobre 2019 05:50 inviato da armando caccamo

    caro Bruno,
    sto approfondendo i significati delle cosiddette quattro virtù cardinali e (in riferimento alla "prudenza") la differenza fra razionalità e ragionevolezza. Si scoprono 'risvolti' molto interessanti. Miopia o saggezza?
    Ti abbraccio
    Armando

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati