BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Sabato, 29 Settembre 2018 18:31

L’umano mistero

Scritto da 

Per semplificare e accelerare il processo ecumenico un modo efficace potrebbe essere quello di esaminare le biografie degli appartenenti alle differenti confessioni cristiane. Si osserverà che nessuno, ad eccezione di qualche scompensato, si è munito di un catalogo delle chiese cristiane optando a tavolino per questa o per quella, piuttosto l’appartenenza a una particolare confessione si sarà delineata per la contingenza di essere nati in un certo tempo e posto ed aver incontrato delle specifiche persone. E’ come se, a monte, è presente nell’individuo un comune desiderio di sacro e di fede che si declina biograficamente nelle forme che i tempi e i luoghi offrono a ciascuno. Se le cose stanno così la figura del pastore valdese e del monsignore cattolico differiscono quanto un torinese da un perugino, differenza davvero irrilevante. Che li fa simili o diversi è il soggetto che sono, non la confessione di appartenenza e relato milieu.

Il soggetto che sono? Che significa? Qual è il rapporto tra libertà e condizione? Per indagare la faccenda potremmo azzardare la suesposta visione empirica sulle differenti chiese cristiane espandendola a tutti gli uomini credenti, atei e diversamente credenti. Plausibile che «la vera differenza non è fra credenti e non credenti, ma fra pensanti e non pensanti» -cito una frase di Mancuso che citava Martini che citava Bobbio-, tuttavia DNA, famiglia di origine, luogo di nascita e residenza, determinano non poco ogni persona, pensiero personale incluso.

Quanto incidono in percentuale questi prefissati, quanto casuali, algoritmi sul soggetto? Se determinassero la persona per il 100% (qualche genetista arriva ad affermarlo) uno che nasce a Scampia da genitori camorristi nel caso commettesse reato non sarebbe imputabile perché la colpa è del DNA e dell'ambiente, qualcosa non torna la resilienza di Peppino Impastato docet. Se incidessero per l’1% sarebbe davvero ingeneroso per gli svantaggiati e così il rapporto tra umana libertà e contingenze permane un mistero, il mistero.

Ultima modifica il Sabato, 29 Settembre 2018 19:06
Altro in questa categoria: « Eclissi

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati