BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Giovedì, 20 Luglio 2017 09:41

Brexit news

Scritto da 

Pugliese d’adozione negli ultimi quattro decenni ho potuto osservare l’incremento turistico nella Valle d’Itria e dintorni, con i numerosi VIP - nella fattispecie gli indizi che la “P” stia non di rado per “pirla” ci sono - qui in vacanza e i tanti stranieri che hanno acquistato trulli e masserie ristrutturandole con sovrabbondanti pietre a vista, piazzale di chianche quadre, fughe bianche e poche pareti tinteggiate a calce. Valorosi e armonici i materiali, mentre l’architettura lascia perplessi per lo stile omologato, asettico e museale, per le troppe pietre a vista, i superflui tendaggi da giardino e le immancabili piscine clorate estranee ai luoghi, “siderum insedit vapor siticulosae Apuliae” (Orazio).

Il punto è che la stragrande maggioranza di ospiti, specialmente quelli inglesi, sono caratterizzati da tre fabbisogni improcrastinabili come quelli che percorsi tanti chilometri ci fanno fermare all’Autogrill:
1 calice di bianco dozzinale che sorseggiato ognora procuri uno stato di ebbrezza costante;
2 barbecue perennemente acceso - fiamma eterna come quella al milite ignoto - con carni del supermercato sulle braci;
3 piscina sullo sfondo.
Triade che ottemperano nel contempo e a tempo pieno impermeabili a tutto ciò accade fuori dalla bolla ambientale che si sono fatti. Potrebbero prendersi qualche breack, come fanno i pugili, magari andando al vicino mare o per conoscere i contadini del posto e imparare qualche parola d’italiano. Oppure fare un giro a Taranto per camminare sul selciato dove passeggiava Pitagora, potrebbero osservare le piante selvatiche, pregare san Michele Arcangelo e se pagani perlomeno onorare il Genius Loci, invece l’anglosassone con prossemica braminica - forse tra le poche cose che ha imparato in India - permane indifferente all’Altro in altezzosa distanza di sicurezza.

Appurata tanta miseria forse opportuno aiutarli a casa loro.

Ultima modifica il Giovedì, 03 Agosto 2017 07:28

3 commenti

  • Link al commento alfonso Giovedì, 03 Agosto 2017 07:56 inviato da alfonso

    bravo Bruno !!!

    Rapporto
  • Link al commento angelo Giovedì, 03 Agosto 2017 07:26 inviato da angelo

    Caro Bruno, è confortante sapere di non essere soli a sostenere certe posizioni che non nascono come alcuni pensano, da una becera dimensione nostalgica, ma solo da un profondo bisogno di rispetto... cominciando dai luoghi...

    Rapporto
  • Link al commento Maria Martedì, 25 Luglio 2017 08:04 inviato da Maria

    Chiusa magistrale. Complimenti.

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati