BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Martedì, 08 Gennaio 2013 16:26

Elezioni: Comunione e liberazione si sgrana e gioca su più tavoli

Scritto da 

L'ufficio stampa di Comunione e liberazione, dopo le confuse vicende politiche dei ciellini Maurizio Lupi rimasto nel Pdl, Mario Mauro migrato a Monti e Formigoni rimasto nel contempo di qua e di là, ha diramato una nota di chiarimento in vista delle prossime scadenze elettorali. A documento pubblicato, Formigoni ha aderito al progetto del Pdl rimangiandosi l'appoggio dato a Gabriele Albertini e ritrovandosi così alleato con Maroni che, per settimane, aveva sistematicamente attaccato.
La nota di Comunione e liberazione tenta di far ordine comunicando alla piazza la posizione ufficiale del movimento. Dettagliando la netta separazione di Cl dagli schieramenti partitici in quanto movimento ecclesiale, dunque teso «a vivere e a testimoniare la fede come pertinente alle esigenze della vita»; tuttavia, ricordando l'auspicio di Benedetto XVI, «l'intelligenza della fede diventa intelligenza della realtà», Cl guarda «con simpatia chi, tra i suoi aderenti, decide di assumersi il rischio di un tentativo politico» teso a portare nella società i valori del cristianesimo. La nota, nell'attardarsi nel distinguere il movimento di Cl dai ciellini militanti nei partiti, cita un intervento di don Giussani risalente agli anni Settanta: «C'è fra noi tutti in quanto Cl, ed i nostri amici impegnati nel Movimento Popolare e nella Dc, un'irrevocabile distanza critica». Le parole di Giussani separano il movimento - ritenuto espressione storica di Dio stesso, dunque giusto e buono a prescindere - dai ciellini impegnati nei partiti invece imputabili.

Michele Fusco da Linkiesta commenta con durezza la nota di Cl con l'articolo: «Se Cl è tecnicamente fallita, la colpa è di voi ragazzi», dove individua precise responsabilità nei giovani ciellini militanti, ritenuti responsabili «di non avere mai dubitato, di avere applaudito sempre e comunque, acriticamente, di aver pensato che aderire al movimento equivalesse ad avere fede».
Il direttore di Tempi Luigi Amicone risponde a Fusco appoggiando nel merito il documento e testimoniando che Cl è viva e vegeta. Amicone difende i "ragazzi" ciellini ribattendo a Fusco: «In nome di quale criterio di valore ci si rivolge loro, li si giudica e li si sentenzia? In nome del criterio di valore che suppone la mia giustizia e la mia onestà al servizio della tua alloccaggine e della tua disonestà. C'è un'evidente presunzione asimmetrica in questo atteggiarsi a emancipatori dell'altrui ignoranza e disonestà».

Michele Fusco, di fatto, sbaglia la mira: insidioso giudicare dei giovani che nell'abbracciare un ideale abbiano ad abdicare, almeno per un momento e in buona fede, al pensare; imputazione che condannerebbe la stragrande maggioranza dei giovani, dagli anarchici militanti, ai fanatici della Rap music, agli innamorati. Se qualcuno è da imputare è invece proprio l'ideale di una concezione ritenuta coincidente con la presenza di Dio nella storia. Una esaltazione comunitaria con vincoli di fiducia e obbedienza assoluti, all'interno di una corporazione ritenuta dagli aderenti sovrumana e divina che, perseguendo precetti autoreferenziali, tutto vincerebbe, ricomporrebbe, giustificherebbe, salverebbe.
Ciò premesso il documento che vede una separazione netta tra i militanti politici e il movimento ciellino che li ha generati appare un sofisma grossolano. Noto che, all'interno di Cl, sono impartite indicazioni di voto perentorie a sostegno di specifici candidati ciellini ritenuti soggetti che incarnerebbero, di fatto e indipendentemente dal comportamento personale, la presunta sacralità di Cl stessa. Figure prescelte dal destino, rappresentanti di Dio in terra, anfibi terro-celesti in missione per conto di Dio che permetterebbero al Creatore invisibile di manifestarsi nella società grazie alla loro presenza militante nei partiti politici, così da plasmare verso la luce la storia degli uomini. Tutto questo fino alla vigilia delle elezioni. Presi tanti voti dai ciellini obbedienti gli è poi concesso di ritornare umani.

Ultima modifica il Mercoledì, 09 Gennaio 2013 08:49

4 commenti

  • Link al commento delia Mercoledì, 09 Gennaio 2013 16:32 inviato da delia

    Pensa, mi è arrivata una cartolina (solita spazzatura infilata nella casella postale) invitando ad un incontro di Dianetics onde conoscere le profonde verità di Ron Hubbard. Bruno, abbi fede: gli americani sono infinitamente più capaci dei caserecci polenta e cazzoeùla, taralucci e vino, ostia e vinsanto e in con i soliti strumenti di addomesticamento alla cecità faranno secca CL. La chiesa scricchiola di suo e il Celeste Aido non può certo competere con un Tom Cruise, pur invecchiatello!!!
    Peraltro questo Paese è e sarà ingovernabile per i prossimi dieci anni fondamentalmente perché mentre ancora il 65% degli italiani("soltanto", dicono alla Confcommercio) usufruiscano dei saldi e si calcoli che in cibarie sono stati buttati più di € 1.550.000 durante le feste, gli italiani non cambieranno né modo di far politica né modo di eleggere i governanti. Perché manca veramente tanto per affogare nella melma ...

    Rapporto
  • Link al commento matilde cesaro Mercoledì, 09 Gennaio 2013 12:15 inviato da matilde cesaro

    vescovato pagano.
    presunzioni finalmente simmetriche!

    Rapporto
  • Link al commento Bruno Vergani Mercoledì, 09 Gennaio 2013 11:42 inviato da Bruno Vergani

    Caro Gigi, grazie dell'integrazione.

    Rapporto
  • Link al commento Gigi Cortesi Mercoledì, 09 Gennaio 2013 10:42 inviato da Gigi Cortesi

    Caro Bruno,
    Ciao. Non dimenticherei tutti gli intrallazzi ciellini con PD, in particolare con il segretario regionale lombardo Martina bersaniano, non a caso - penso - chiamato "il Mastellone" all'interno del PD, ora candidato nel listino.
    Su questi intrallazzi tra CL e PD accennai già nel mio blog politico http://polisethoslogos.wordpress.com/ , ma forse è utile riparlarne. I ciellini usano i partiti, perchè a loro interessa l'unico partito che veramente e unicamente amano, cioè CL. Che altro è un partito politico se non una organizzazione tesa alla conquista del potere? È che altro è CL se non questo?

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati