BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Martedì, 04 Settembre 2012 12:07

Psicostasia

Scritto da 

Si sa, sul carrozzone cattolico c'è di tutto, anche Antonio Socci che sostituendosi a domeneddio fa la psicostasia all'anima del cardinal Martini. Trattasi di pratica appartenente a religioni antiche dove l'anima del defunto viene, da Dio in persona, pesata su una bilancia a due piatti per misurarne peccati e virtù.
Quel che meraviglia non è l'operazione in sé, ma che venga pubblicata da un quotidiano nazionale; Socci dalle pagine di Libero la espone al mondo, al cosmo intero, in dettaglio. L'Arconte mette su un piatto della bilancia i demeriti del cardinale.

E uno: «Una cosa è certa, Martini è sempre stato portato in trionfo sui mass media di tutto il mondo, da decenni, e incensato specialmente su quelli più anticattolici e più ostili a Gesù Cristo e alla sua Chiesa».
E due: «I fatti dicono che Martini ha sempre cercato l'applauso del mondo, ha sempre carezzato il Potere (quello della mentalità dominante) per il verso del pelo, quello delle mode ideologiche dei giornali laicisti, ottenendo applausi ed encomi».
E tre: «Tutto quello che le mode ideologiche imponevano trovava Martini dialogante e possibilista: "non è male che due persone, anche omosessuali, abbiano una stabilità e che lo Stato li favorisca", aveva detto».
E quattro. La sentenza eterna vira all'infausto: «Martini ha incredibilmente firmato la prefazione a un libro di Vito Mancuso che - scrive "Civiltà cattolica" - arriva "a negare o perlomeno svuotare di significato circa una dozzina di dogmi della Chiesa cattolica"».

Ma Socci nella sua infinita misericordia mette sull'altro piatto della bilancia i meriti del Cardinale ricordando «l'erudizione biblica di Martini».
Troppo poco: il piatto della bilancia con sopra i peccati scende di brutto verso un purgatorio da 41 bis, forse verso l'inferno se non fosse per le iniziative salvifiche implementate da Socci stesso: «Farò dire delle messe e prenderò l'indulgenza perché il Signore abbia misericordia di lui». Dio è grande.

Ultima modifica il Mercoledì, 05 Settembre 2012 08:26
Altro in questa categoria: « "Paradise Faith" “Fetish” »

2 commenti

  • Link al commento Bruno Vergani Giovedì, 06 Settembre 2012 08:13 inviato da Bruno Vergani

    Con tutti i problemi che ha mi sa che Iddio ce lo lascerà per un bel po' . Peggio per lui, tutto sommato una nota di humour averlo compagno di viaggio che a Dio, nella sua infinità serietà, forse sfugge. Occorre essere uomini per apprezzare i risvolti spassosi del soggetto con psiche strutturata a triangolo isoscele: in basso in un angolo la Chiesa nell'altro Dio e lui al vertice dirige entrambi in umiltà e obbedienza assoluta. Non esilarante quanto il tuo intervento, caro Augusto, ma non male.

    Rapporto
  • Link al commento Augusto Cavadi Martedì, 04 Settembre 2012 15:28 inviato da Augusto Cavadi

    Spero che il Signore abbia misericordia pure di Socci, mentre è ancora in vita, e lo converta al vangelo e al buon senso naturale; o, in alternativa, se risultasse ontologicamente inconvertibile (neppure Dio può far sì che una pietra respiri o un cerchio sia quadrato), che abbia misericordia di tutti gli altri mortali e chiami Socci alla ricompensa eterna al più presto possibile.

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati