BLOG DI BRUNO VERGANI

Radiografie appese a un filo, condivisione di un percorso artistico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Domenica, 25 Aprile 2010 12:17

Esame di italiano agli extracomunitari su iniziativa della deputata leghista Silvana Comaroli

Scritto da  Bruno Vergani

 

Deputata già che c’è esiga che i magrebini per implementare un kebab imparino a memoria la "poesia della merla" in rigoroso lombardo orientale transabduano, testo fondamentale della cultura nordica pedemontana, solo secondo ai Promessi sposi. Punti i piedi e chieda che il governo tutto la impari, non accetti legittimi impedimenti da nessuno e sia esigente sulla pronuncia specialmente con Ignazio la Russa. La mèrla.I mèrli, 'na ólta i gh'ìa le pène biànche, ma chèl envéren lé l'éra stàt en bèl envéren e lé, la mèrla, la gà dìt: "Zenér de la màla gràpa per tò despèt gó i uzilì 'ndela gnàta". A lü, 'l Zenér, gh'è nìt adòs 'n pó de ràbia, e 'l gà dìt: "spèta mèrla che te la faró mé adès a té, e se te sét biànca mé te faró ègner négra". E pò dòpo 'l gà dit: "Dù ghe i ó e giü 'n prèstet el töaró e se te sét biànca, mé te faró ní négra". E alùra 'l gà fàt nì fò 'n frèt che se n'ìa mài vést giü compàgn.Lé la mèrla la saìa piö che fà cói sò uzilì ndèla gnàta, e isé l'è nàda a rifügiàs endèla càpa del camì; dré al camì va sö 'l föm e lùr i uzilì i è déentàcc töcc négher, e quànche i è nicc fò de là, la mèrla la gh'ìa mìa piö le pène biànche, ma la ghe i éra négre. Alùra Zenér, töt sudisfàt, el gà dìt: "Tò mèrla, che te l'ó fàda mé staólta: se te se stàda biànca mé t'ó fàt ní négra e isé te làset lé de seghetà a tiràm en gìr.I merli una volta avevano le penne bianche, ma quell'inverno fu un buon inverno, e lei, la merla, disse: "Gennaio dal brutto aspetto, per tuo dispetto, ho gli uccellini nel nido. Gennaio si fece prendere dalla rabbia e le disse: "Aspetta un po' merla che ti sistemerò io adesso, e se sei bianca ti farò diventar nera". E poi aggiunse: "Due li ho ed uno lo prenderò in prestito1 e se sei bianca, io ti farò diventare nera". Così, fece arrivare un freddo che non se ne era mai visto uno uguale.La merla non sapeva più cosa fare con i suoi uccellini nel nido, ed andò quindi a rifugiarsi nella cappa del camino. Per il camino sale il fumo e gli uccellini divennero così tutti neri e quando vennero fuori di là, la merla non aveva più le penne bianche ma nere. Allora Gennaio, tutto soddisfatto, le disse: "Tiè merla, te l'ho fatta io stavolta, se eri bianca, adesso ti ho fatto diventare nera e così la smetti di prendermi in giro."

Ultima modifica il Venerdì, 28 Ottobre 2011 23:56

1 commento

  • Link al commento  Franca Venerdì, 30 Aprile 2010 18:40 inviato da Franca

    "sì sì sostengo anch'io a gran voce la proposta, è ora di imparare a parlare bene, perbacco (per Bacco, per Bossi, per B........)"

    Rapporto

Lascia un commento

Copyright ©2012 brunovergani.it • Tutti i diritti riservati